ostaggi parigi
|

Ostaggi Parigi, fermato il sequestratore che chiedeva di parlare con l’Iran

Un uomo che dagli organi di stampa viene definito «squilibrato» ha tenuto in ostaggio tre persone in un ufficio di Rue des Petites Stables, nel 10 ° arrondissement di Parigi. Dopo una serie di vicessitudini, che hanno fatto trattenere il fiato all’intera città, le forze dell’ordine hanno fermato l’uomo, senza vittime. Le forze dell’ordine avevano immediatamente escluso qualsiasi ipotesi legata al terrorismo. L’AFP, citando una fonte di polizia, aveva parlato comunque di una situazione «molto confusa». L’uomo aveva addirittura dichiarato di avere un complice all’esterno, ma l’informazione non è stata confermata dalle fonti che hanno gestito l’operazione.

Il sequestratore aveva liberato uno dei tre ostaggi che era gravemente ferito. Quest’ultimo, tra l’altro, prima di raggiungere la libertà, tuttavia, l’uomo era stato cosparso di benzina.

ostaggi Parigi

Ostaggi Parigi, l’uomo è stato assediato dalle forze dell’ordine

La Rapid Intervention Brigade (BRI) e la Paris Security and Response Company si erano recate immediatamente nell’area e il settore era stato isolato dalla polizia. Secondo France Bleu Paris, il folle era in possesso di una bomba e una pistola e aveva chiesto di parlare all’ambasciata dell’Iran. Il sequestratore avrebbe voluto consegnare un documento al governo francese.

Sempre secondo Francebleu.fr, che ha documentato tutto l’accaduto con materiale video e foto dal luogo del sequestro, tra i tre ostaggi c’era anche una donna incinta, che è risucita a scappare. Le persone coinvolte erano situate al piano terra dell’edificio, in un punto del palazzo dove sono collocati anche altri uffici e negozi. L’area era stata interamente transennata per permettere il regolare svolgimento delle trattative con il sequestratore.

(FOTO da Francebleu.fr)