Porta due donne in caserma e fa sesso con una di loro, segnandosi lo straordinario: indagato carabiniere

di Redazione | 03/06/2018

carabiniere sesso in caserma

La vicenda si riferisce all’11 gennaio scorso, secondo quanto riportato dal quotidiano Il Resto del Carlino. Un carabiniere di Ravenna ha ricevuto un avviso di fine indagine, firmato dal Pm Cristina D’Aniello, con truffa e falso ideologico commesso da pubblico ufficiale. La sua colpa sarebbe stata quella di aver portato due donne in caserma e di aver fatto sesso con una di loro, facendosi segnare un’ora di straordinario.

LEGGI ANCHE > I due carabinieri accusati di violenza sessuale contro due studentesse americane sono stati destituiti

Carabiniere sesso in caserma, dopo aver segnato lo straordinario

In un primo momento, la donna che ha avuto il rapporto sessuale con l’appuntato dei carabinieri lo aveva anche denunciato per violenza sessuale, circostanza poi che è stata completamente esclusa anche all’interno delle indagini: il racconto dell’altra donna che era insieme a lei, infatti, ha testimoniato che il rapporto avuto dai due era totalmente consenziente. La sua versione è stata confermata anche da altre indagini fatte dagli stessi carabinieri che hanno esaminato il caso.

Carabiniere sesso in caserma, cosa succede ora

Resta, però, il contesto in cui ciò è avvenuto: il carabiniere avrebbe innanzitutto ingannato il suo collega di guardia presso il comando di viale Pertini, affermando che la presenza in caserma delle due donne si era resa necessaria al fine di rivelare delle preziose informazioni. Inoltre, l’indagato si era segnato un’ora di straordinario da mezzanotte all’una, in corrispondenza dell’accaduto.

In realtà, in base a quanto trapelato dalle indagini, pare che le due donne gli abbiano chiesto di vedere l’ufficio. L’uomo, che doveva entrare in servizio all’una, ha anticipato il suo ingresso a mezzanotte – segnandosi lo straordinario -, accontentando le loro richieste e, successivamente, facendo sesso con una di loro.

L’uomo aveva conosciuto le due donne poco prima, all’interno di un bar. In attesa del giudizio circa il caso del carabiniere, che ha circa 50 anni, quest’ultimo è stato trasferito presso un’altra sede, come avviene per prassi quando un pubblico ufficiale risulta indagato, prima di accertare la verità dei fatti.

Un anno fa un altro clamoroso episodio di sesso aveva messo scompiglio nel mondo dell’Arma dei Carabinieri, anche se le circostanze – in quel caso – ebbero una risonanza mediatica molto più ampia, dovuta alla gravità del fatto. A Firenze, due carabinieri sono stati accusati di aver violentato due ragazze americane arrivate in Italia per motivo di studio. Successivamente, entrambi sono stati destituiti, ma la vicenda giudiziaria è ancora in corso.