Bagnai
|

Claudio Borghi Aquilini ha investito 400 mila euro in titoli esteri e non italiani

Claudio Borghi Aquilini è il responsabile economico della Lega, deputato eletto alle ultime elezioni dopo esser stato in precedenza consigliere regionale del partito di Salvini in Toscana.

Gli investimenti esteri di Claudio Borghi

L’onorevole Borghi è uno dei più noti teorici dell’uscita dall’euro, che sostiene da molti anni sulla stampa nazionale, sui social media, in particolare su Twitter, e nella sua attività politica.  Nella dichiarazione sul suo stato patrimoniale pubblicata sul sito del Consiglio regionale è evidenziato come Borghi abbia investito 400 mila euro in asset esteri. 350.000 euro in obbligazioni estere, 50 mila invece in titoli di Stato esteri. Davide Serra, finanziere e storico supporter di Matteo Renzi, ha reso nota questa strategia di investimento di Claudio Borghi sul suo profilo Twitter, interrogando il leghista:  «Scusi onorevole sono certo non sia vero che lei ha tutti i suoi risparmi all’estero e che lei finanzia stati esteri come da sua dichiarazione qui allegata. Visto vuole uscire Euro può darci evidenza ha tutti i suoi Risparmi in Debito Italiano e conti in Italia?».

 

Davide Serra contro Borghi per gli investimenti esteri anti italiani

 

Claudio Borghi ha risposto a Davide Serra in questo modo: «Scusi caro Serra, ma con quale logica uno che ha sempre denunciato l’assoluta pericolosità per i risparmi per l’Italia in un’eurozona che con le regole attuali non ha garanzie per i risparmiatori (e lei che speculava al ribasso su Mps lo sa) dovrebbe metterci i propri risparmi?…Le dichiarazioni sono pubbliche, le stesse da anni e perfettamente coerenti con una costante denuncia della pericolosità dell’eurozona per i risparmi italiani e leggi criminali tipo il bail in. Piuttosto questo qui che speculava al ribasso sul Paschi con renzi al governo era lei?». Successivamente Claudio Borghi ha poi corretto il senso della risposta a Serra, rimarcando di non avere conti esteri ma depositi italiani: «I miei risparmi sono regolarmente dichiarati (repubblica riporta una mia pubblica autodichiarazione di trasparenza) e depositati in un normalissimo conto titoli italiano di banca in Italia. La ringrazio per la sua domanda perché mi conferma che l’articolo è ingannevole (querela)».

Borghi
Il leader della Lega Matteo Salvini (C) con i candidati della Lega Claudio Borghi (S) e Alberto Bagnai durante una conferenza stampa, Roma, 23 gennaio 2018. ANSA / ETTORE FERRARI

La querela, ci permettiamo di dare un consiglio, appare temeraria visto che Tommaso Ciriaco di Repubblica non ha scritto che il responsabile economico della Lega abbia conti esteri.  Il giornalista raccontava semplicemente le reazioni di diversi utenti Twitter che evidenziavano l’incoerenza di Borghi, che a differenza di Salvini rinuncia allo slogan “Prima gli italiani” della Lega.