La bufala su WhatsApp della donna che rapisce bambini fuori da scuola

di Redazione | 23/05/2018

bufala whatsapp

C’è un audio che circola su WhatsApp con una nota vocale corredata da tre immagini. Nella catena si indica una donna, in compagnia di altre due persone, pericolosa perché si aggirerebbe nelle scuole negli orari di entrata e di uscita, approfittando di un attimo di distrazione dei genitori per rapire i bambini. Ovviamente si tratta di una bufala, una fake news, che rischia di metter in pericolo le persone indicate in quella foto. A parlarne è Bufale.net che ha trascritto il contenuto dell’audio.

Ragazzi, buonasera.

Mi ha contattata una mamma dell’asilo di **** e mi ha chiesto con urgenza di girare queste foto a tutte le persone delle scuole e del quartiere, perché si aggira questa signora. Sono lei insieme ad altre due persone. Nel momento in cui i bimbi escono da scuola o entrano, magari uno si ferma al bar o in pizzeria per prendere qualcosa il bimbo resta solo: lei lo prende e se lo porta via. È successo a questa mamma mentre stava pagando alla cassa. La bambina era già stata presa per mano e portata fuori dal bar. Menomale che la nonna se n’è accorta e gliel’hanno strappata dalle mani.

State molto attenti.

Comunque è stata denunciata ai Carabinieri.

Il messaggio in questione sta spopolando a Roma e genera un certo panico. La zona indicata varia da Giardinetti a Tor Vergata. Non c’è nulla di preciso. Nemmeno una denuncia in allegato (se fatta perché non condividerla con le foto?).

LEGGI ANCHE > BUFALE. L’INCUBO DI ALFREDO: «IO SCAMBIATO PER PEDOFILO NELLE CHAT DI MEZZA ITALIA»

Siamo probabilmente davanti all’ennesimo caso di diffamazione creato da catene su WhatsApp. David Puente ricorda un caso simile, quello di Alfredo Mascheroni. “La signora nella foto potrebbe essere accusata ingiustamente e riconosciuta da qualche convinto che potrebbe prenderla di mira. È chiaro che a condividere siano più che altro genitori spaventati, ma la psicosi è una brutta bestia e non educate affatto i vostri figli in questo modo”, spiega.