I tifosi del Milan non gradiscono gli auguri della loro squadra a Roberto Mancini nuovo ct dell’Italia

di Gianmichele Laino | 15/05/2018

Mancini ct

Roberto Mancini ct dell’Italia. Una notizia che ispira grande fiducia nel movimento calcistico azzurro per il prestigio dell’allenatore e per le sue qualità messe in mostra sulle panchine d’Italia e d’Europa. Ma che fa arrabbiare i tifosi del Milan, che non hanno perdonato il mister per un gesto durante il derby del 2016, quando era alla guida tecnica dell’Inter.

LEGGI ANCHE > Milan-Inter, Roberto Mancini e il dito medio birichino che ha fatto infuriare il Milan

Mancini ct, il disappunto dei tifosi del Milan

La società rossonera, come tante altre di serie A, ha voluto fare gli auguri a Roberto Mancini per questa sua nuova avventura, pubblicando un messaggio di congratulazioni sui social network. «In bocca al lupo a Roby Mancio – ha scritto la società – per la nuova avventura Azzurra. Good Luck Mancini!»

I tifosi del Milan, tuttavia, non hanno apprezzato questa uscita e hanno iniziato a postare – anche come risposta al thread – una serie di fotogrammi che immortalano Roberto Mancini mentre rivolgeva il dito medio a un gruppo di supporter rossoneri. La scena in questione riguarda, appunto, il derby Milan-Inter del 2016, quando – dopo la sua espulsione – Mancini si lasciò prendere da un eccesso di foga, sfociato nel gesto indelicato nei confronti dei tifosi.

Mancini ct: quando l’allenatore mostrò il dito medio ai tifosi del Milan

In quella circostanza – a quel dito medio reagì in maniera scomposta anche Matteo Salvini, che rispose con un gesto dell’ombrello -, Mancini si scusò affermando: «Mi rivolgevo a un gruppo di steward che non dovevano stare lì e che mi insultavano».

Ma i tifosi del Milan, a quanto pare, non gli hanno perdonato l’accaduto. C’è chi ha invitato la società a cancellare il tweet di congratulazioni, c’è chi ha scelto di non seguire più l’account ufficiale del Milan su Twitter:

Al momento, però, la polemica non sfiora nemmeno Roberto Mancini (né, si immagina, la società rossonera). Il nuovo commissario tecnico della nazionale, nel corso della presentazione alla stampa in conferenza a Coverciano, ha affermato: «Sono abbastanza emozionato perché diventare c.t. della Nazionale non è una cosa così banale. La Federazione mi ha fatto capire che mi volevano al 100 per cento e per me è stato facile scegliere. Ho messo piede per la prima volta nel 1978 a Coverciano con l’Under 14. Essere qui in questo ruolo adesso è importante. Sono felice anche per i miei genitori che saranno orgogliosi. Essere c.t. azzurro è la massima aspirazione per tutti, e questo era il momento giusto nella mia carriera».

Mancini ha anche parlato di un’altra vecchia conoscenza dei tifosi del Milan, Mario Balotelli. Non è un mistero che l’attaccante, attualmente al Nizza, sia uno dei suoi pupilli. Dalle parole pronunciate oggi, Mancini sembra intenzionato a dargli una seconda opportunità in Nazionale.

FOTO: ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI