Beitar “Trump” Gerusalemme, la squadra di calcio che cambia nome per onorare la decisione di The Donald

di Redazione | 14/05/2018

Trump

Il Beitar Gerusalemme, una delle squadre più famose nel panorama calcistico israeliano e famosa per le sue forti prese di posizione nel conflitto pluridecennale tra Israele e Palestina, ha deciso di cambiare il proprio nome per onorare la decisione del presidente degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme capitale dello Stato ebraico.

LEGGI ANCHE > APRE L’AMBASCIATA USA A GERUSALEMME, 43 MORTI A GAZA

La decisione è stata annunciata domenica 13 maggio:

Per 70 anni Gerusalemme è stata in attesa di riconoscimento internazionale fino a quando il presidente Donald Trump, con una mossa coraggiosa, ha riconosciuto Gerusalemme come la capitale eterna di Israele. Il presidente Trump ha mostrato coraggio e vero amore per il popolo israeliano e la sua capitale. La squadra di calcio Beitar Jerusalem, uno dei simboli più importanti della città, è felice di onorare il presidente per il suo amore e sostegno

Da lunedì 14 maggio, la squadra sarà conosciuta nel mondo come Beitar “Trump” Gerusalemme.

Il Beitar non è nuovo a episodi forti di intolleranza. In passato gli ultras della squadra si sono fatti riconoscere per i cori anti-arabi e anti-musulmani, costati anche forti penalizzazioni. Inoltre, la squadra non ha mai firmato giocatori di fede musulmana. Quando ci ha provato, si è vista bruciare la sede

Il fatto di cambiare nome non porterà a penalizzazioni ma segna il clima d’intolleranza e molto simbolico attorno alla questione del futuro dei territori palestinesi

Intanto il presidente Trump sta ottenendo un grande riconoscimento per le vie di Gerusalemme. Per lui sono pronti la titolazione di parchi, vie e stazioni ferroviarie.

(Foto credits: Twitter)