Noemi Letizia e ‘Loro’ di Sorrentino su Berlusconi: «Quella nel film è solo una caricatura»

di Redazione | 11/05/2018

noemi letizia

Noemi Letizia, la ragazza napoletana diventata famosa per la presenza di Silvio Berlusconi alla festa per il suo diciottesimo compleanno, boccia il film ‘Loro’ di Paolo Sorrentino, diviso in due parti, sull’imprenditore di Arcore. Il suo commento viene riportato oggi dal quotidiano Il Mattino di Napoli in un articolo a firma di Maria Chiara Ausilio. Noemi è andata al cinema con la giornalista per vedere ‘Loro 2’ e parlare del lavoro del regista premio Oscar.

Il commento di Noemi Letizia al film ‘Loro’ di Paolo Sorrentino su Silvio Berlusconi

«’Loro 1′ – ha affermato – non mi è piaciuto affatto e non solo perché non ho condiviso la parte che riguarda me e mio padre. No, non è l’unica ragione. È che l’ho trovato un film surreale, esagerato, morboso e a tratti anche un po’ lento. Sesso, droga, alcol, orge, prostitute, decine di ragazze seminude: l’esasperazione di un modo di vivere e divertirsi ben lontano dalla realtà». Sulla parte che riguarda suo padre Noemi ha commentato: «’Divertiti con il presidente, bella di papà’ mi dice nel film: Sorrentino lo dipinge come un magnaccia. Invece tra loro c’era un rapporto di cordialità e stima, si erano conosciuti anni prima e Berlusconi si fidava di lui. Vorrei sapere qual è il problema? Perché non poteva essere possibile». Per la ragazza anche la scena della madre agitata è veritiera. Insomma, quella sera nel locale a Casoria per la sua festa tutto andò diversamente. Si chiede anche come mai il regista abbia usato nomi veri solo per la sua famiglia e pochi altri personaggi.

«Su questa vicenda – ha detto ancora Noemi alla giornalista del Mattino – si è detto tutto e il contrario di tutto. Siamo diventati protagonisti solo perché Silvio ha partecipato alla mia festa a Casoria. Orrore, a Casoria. Anche nel film si sottolinea il fatto che sia venuto addirittura sulla circumvallazione, manco fosse il Bronx».

(Immagine di copertina da YouTube)