Pupo «stoppa» Gallinari: «Guadagna 20 milioni all’anno, ma ha voluto dividere una cena da 240 dollari»

di Gianmichele Laino | 08/05/2018

Pupo contro Gallinari

Il tiro da tre punti, questa volta, l’ha piazzato Enzo Ghinazzi in arte Pupo contro Gallinari, il noto cestista italiano che gioca in NBA e milita per la franchigia dei Los Angeles Clippers. Al programma La Zanzara di Radio 24, il cantante ha raccontato l’aneddoto di una cena per sei a Los Angeles proprio insieme al campione italiano di basket e alla sua famiglia.

LEGGI ANCHE > La follia di Gallinari: dà un pugno a un avversario, si infortuna e salta gli europei di basket

Pupo contro Gallinari: «Guadagna 20 milioni e divide una cena da 240 dollari»

Pupo ha raccontato di essere stato invitato da Danilo Gallinari e dalla madre, in un posto che il cantante ha definito «molto modesto»: «Avevano organizzato tutto loro – ha detto Pupo -. Conto finale, 240 dollari. Gallinari aveva mangiato un’insalata da 8 dollari. La madre credo uno spaghetto da 7 dollari». Una cena standard, insomma, non certo da Vip.

Eppure, la parte più gustosa del racconto arriva al momento della presentazione del conto a tavola: «Fino all’arrivo del conto avevano parlato di sponsor, di ingaggi da milioni di euro. Credo che lui guadagni più di 20 milioni all’anno – ha detto Pupo a Radio 24 -. Ma quando è arrivato il momento di pagare la madre prende il foglietto, Danilo si mette accanto col menù in mano e col telefonino faceva le somme. Ognuno ha pagato quello che ha mangiato. Io e Patricia (la compagna di Pupo, ndr) abbiamo dato 32 dollari».

Pupo contro Gallinari, lezioni di bon ton

Insomma, non proprio una figura nobile per il cestista. Che qualche passaggio a vuoto – a livello di stile – lo ha fatto nel corso della sua carriera. Tutti ricordiamo il pugno sferrato questa estate a un avversario nel corso di Italia-Olanda: episodio censurabile che, a causa del seguente infortunio, gli costò anche l’Europeo di basket. Certo, nessun paragone con la cena divisa con Pupo. Ma un ripassino al Galateo, ogni tanto, non farebbe male.