sparatorie usa
|

Il boom delle sparatorie negli Stati Uniti d’America

“Finché sarò presidente, il diritto a possedere delle armi sarà garantito”. Donald Trump ha parlato così alla conferenza della National Rifle Association a Dallas, la potente organizzazione di produttori di armi.
Il presidente degli Stati Uniti d’America è tornato sulla necessità di armare gli insegnanti negli istituti. “Se mettessimo fuori legge le armi come alcuni vorrebbero – ha proseguito – dovremmo mettere fuori legge tutti i furgoni, tutti i camion, che sono le nuove armi dei terroristi e anche le auto”. Il problema è che le sparatorie di massa negli Stati Uniti ci sono, sono diffuse e sono diventate più letali e più frequenti. Una sorta di circolo vizioso alimentato dalla copertura media e riportato oggi da BuzzFeed.

L’anno scorso, secondo un nuovo rapporto dell’FBI  gli Stati Uniti hanno sperimentato quello che secondo i ricercatori è un’anomalia, con il più alto numero di episodi di sparatoria attivi in ​​quasi un decennio. Dal 2014 al 2016 l’FBI ha documentato 175 episodi in cui sono morte delle persone. Quel numero, pur essendo alto, si è mantenuto relativamente stabile fino al 2017, quando il numero è arrivato a 30 incidenti. Circa 140 persone sono morte in quegli attacchi, tra cui 58 persone nella sparatoria di massa di Las Vegas. Tutti i tiratori erano uomini e agivano da soli.

Gli esperti hanno spiegato a BuzzFeed News come il recente aumento sia probabilmente dovuto alla quantità di attenzione mediatica che gli attacchi ottengono. Le leggi inadeguate e scarsamente applicate non aiutano.

IL RISCHIO EMULAZIONE

“Questi tiratori ottengono grandi soddisfazioni e l’attenzione dei media che ricevono li mette in una sorta  di passato storico”, ha affermato Greg Shaffer, veterano dell’FBI e esperto di sicurezza globale che studia questo fenomeno. “Stiamo cercando di usare parametri razionali per definire un atto irrazionale, ma non capiremo mai perché persone come il pistolero di Las Vegas fanno quello che fanno”. Jaclyn Schildkraut, esperto di ricerca sulle sparatorie di massa e assistente professore alla giustizia pubblica presso la State University di New York, ha notato come l’effetto simulazione stia solo peggiorando le cose. “Con la quantità di copertura che Parkland ha ricevuto, probabilmente ci sarà un aumento”, ha detto Schildkraut. “I seguaci stanno diventando un problema di sicurezza pubblica”.

SPARATORIE USA: IL DRAMMA DEI PICCOLI ATTACCHI

Mentre le sparatorie di massa su larga scala come quelle di Sutherland Springs, in Texas o Parkland, in Florida, hanno grande copertura mediatica le sparatorie più piccole sono molto più diffuse. “È pazzesco quanto sia comune per una persona entrare in un posto di lavoro con una pistola in questi giorni”, ha dichiarato Shaffer. Dei 50 incidenti di tiro attivi nel 2016 e 2017, 17 si sono verificati in aree di commercio, secondo il rapporto dell’FBI. “Molti di questi problemi sono spillover domestico, quando la persona entra in un posto di lavoro per risolvere un problema interno”, ha precisato Shaffer.

Foto Pool/ABACAPRESS.COM