Salah Abdeslam
|

Perché Salah Abdeslam è stato condannato “solo” a 20 anni di prigione in Belgio

L’ultimo terrorista ancora in vita degli attacchi di Parigi del 13 novembre 2015, Salah Abdeslam, è stato condannato a 20 anni di prigione dal tribunale di Bruxelles per la sparatoria che lo ha visto coinvolto in una periferia della capitale belga il 15 marzo 2016, durante un blitz della polizia.

LEGGI ANCHE > Luca Traini e Salah Abdeslam, cosa unisce e cosa differenzia i due terroristi

Il jihadista francese, insieme al complice tunisino Sofien Ayari, è stato condannato per tentato omicidio in un contesto terroristico e possesso illegale di armi.

Quel 15 marzo, dopo la fuga del 28enne da Parigi, la polizia aveva fatto un incursione in un’abitazione del sobborgo di Forest e si era trovata davanti quattro terroristi. Nello scontro rimase ucciso uno di loro, mentre Abdeslam venne arrestato tre giorni dopo nel quartiere Molenbeek di Bruxelles.

I 20 anni di prigione si riferiscono solo esclusivamente a questo episodio, non alla strage di Parigi che causò la morte di 130 civili e dei 7 attentatori.

Per l’attacco del novembre 2015 il processo deve ancora iniziare (Abdeslam si trova in prigione proprio nella capitale francese). Al momento i giudici stanno terminando la fase d’inchiesta e dossieraggio (i tomi già pronti sono 120).

I magistrati sperano di terminare questa nella primavera del 2019, così da iniziare il processo nel 2020 o al più tardi nel 2021.

(Foto credits: Ansa/Zumapress)