Romano Prodi va dal Papa e i ladri gli svaligiano la casa

di Gianmichele Laino | 22/04/2018

furto Romano Prodi

Un vecchio adagio recita «chi va a Roma perde la poltrona». Nel caso di Romano Prodi, ad andare perduti sono perlopiù orologi e gioielli conservati all’interno della sua abitazione di via Gerusalemme a Bologna. Il professore, ex presidente del Consiglio, nella giornata di ieri si era recato in piazza San Pietro insieme alla comunità bolognese (tra gli altri, c’era anche Gianni Morandi) per assistere a un incontro con papa Francesco.

LEGGI ANCHE > L’appello di Romano Prodi contro il suicidio del Partito Democratico

Furto Romano Prodi mentre si trovava dal Papa

Cattolico, attivo frequentatore della diocesi di Bologna, Romano Prodi aveva approfittato – insieme alla moglie – dell’occasione per ricevere la benedizione del sommo pontefice. Tuttavia, al suo rientro a Bologna ha trovato una brutta sorpresa: la sua abitazione è stata completamente svaligiata dai ladri.

Nella notte tra venerdì e sabato, infatti, i malviventi hanno fatto irruzione nell’abitazione di Prodi, forzando la porta d’ingresso. Attualmente, sono in corso le indagini delle autorità competenti per fare un corretto inventario della refurtiva. Stando alle modalità dell’evento, gli investigatori non starebbero seguendo la pista di un colpo diverso dal furto: in ogni caso, la Digos  sta indagando per escludere collegamenti di altro tipo.

Furto Romano Prodi, cosa è stato rubato

Romano Prodi avrebbe appreso la notizia mentre si trovava ancora a Roma. I ladri probabilmente erano a conoscenza della sua assenza dalla casa che si trova a pochi passi da piazza Santo Stefano, in pieno centro a Bologna (l’udienza del Papa alla diocesi locale era stata molto sponsorizzata). A un primo e sommario resoconto, sembra evidente che a essere bersaglio dei ladri siano stati principalmente oggetti preziosi che l’ex presidente del Consiglio conservava all’interno della sua abitazione.