Di Maio
|

Di Maio definisce Salvini un irresponsabile sulla Siria

Luigi Di Maio ha definito Matteo Salvini un irresponsabile per le sue posizioni prese sulla Siria. Il capo politico del M5S ha evidenziato la sbagliata strumentalizzazione degli attacchi contro il regime di Assad fatta dal leader della Lega a scopi elettorali. Matteo Salvini ha detto ieri, in maniera parecchio forzata, che una vittoria alle prossime regionali di Molise e Friuli Venezia-Giulia permetterebbe al centrodestra di formare un governo.

Di Maio definisce Salvini un irresponsabile sulla Siria

Luigi Di Maio ha ribadito come la stella polare della politica estera dei Cinque Stelle sia l’articolo 11 della Costituzione, che postula il ripudio della guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali, pur rimarcando la conferma delle alleanze dell’Italia con Stati Uniti e Unione europea. Una posizione atlantista che confligge in modo aperto non solo con Salvini, schieratosi apertamente su posizioni pro Russia che non hanno paragoni nei governi occidentali, ma anche con la vocazione pacifista che ha sempre caratterizzato il M5S. Lo mostra anche l’elogio di Gino Strada a Salvini per le sue posizioni contro la Siria, ribadito oggi in una intervista al Corriere della Sera.

LEGGI ANCHE> «DI BATTISTA SEMBRA D’ALEMA», LA DELUSIONE DEI PARLAMENTARI M5S VERSO L’EX DEPUTATO

Di Maio contro Salvini sulla Siria, Gino Strada l’elogia di nuovo

Il fondatore di Emergency trova il no all’intervento occidentale in Siria esclamato dal leader della Lega coerente all’articolo 11 della Costituzione, anche se definisce disumane e razziste le sue posizioni sui migranti. Gino Strada è una personalità molto apprezzata all’interno dei Cinque Stelle, tanto che nel 2013 er arrivato secondo, subito dietro Milena Gabanelli, nelle consultazioni tra gli iscritti al blog di Beppe Grillo per la designazione del candidato M5S per la presidenza della Repubblica.

Di Maio
Leader of Five Stars Movement, Luigi Di Maio (C) at LA7 TV program ‘Otto e Mezzo’ hosted by journalist Lilli Gruber in Rome, Italy, 16 April 2018. ANSA. RICCARDO ANTIMIANI

Il medico rifiutò,la candidatura così che i Cinque Stelle appoggiarono il giurista Stefano Rodotà, dichiaratosi disponibile.  Cinque anni dopo il M5S è cambiato. Sulla Siria Di Maio ha ribadito una linea di politica estera atlantista poco compatibile con il pacifismo incarnato da Gino Strada rimarcato nel colloquio di oggi col Corriere della Sera.