L’ex direttore dell’Fbi su Trump: «È un bugiardo seriale e tratta le donne come fossero carne»

di Redazione | 16/04/2018

trump

Donald Trump «è un bugiardo seriale e tratta le donne come fossero carne». È una pioggia di dure critiche al presidente americano quella di cui si è reso protagonista negli Stati Uniti James Comey, l’ex direttore dell’Fbi, in un’attesa intervista televisiva alla Abc, la prima di una lunga serie per pubblicizzare il suo libro di memorie. L’inquilino della Casa Bianca ha licenziato Comey nel maggio del 2017. L’ex numero uno dell’Fbi dice che Trump «non è moralmente idoneo» a fare il presidente e «potrebbe essere vulnerabile a un ricatto della Russia».

L’ex direttore dell’Fbi James Comey su Donald Trump: «È moralmente inadatto»

«Il nostro presidente – ha affermato – deve aderire e incarnare e avere rispetto per i valori che sono sono alla base di questo Paese. Il più importante è la verità. E questo presidente non è capace di farlo. È moralmente inadatto per essere presidente», ha aggiunto. Comey ha parlato anche del rischio che l’inquilino della Casa Bianca sia ricattabile da Mosca riferendosi al famigerato dossier di Cristopher Steel, l’ex spia britannica che per contro della campagna di Hillary Clinton raccolse informazioni su Trump in Russia, alcune delle quali molto imbarazzanti. Una delle informazioni riguarda un presunto video del 2013 che sarebbe in possesso delle autorità russe in cui si vede Trump in un hotel di Mosca con alcune prostitute che urinano su letto dove avevano dormito Barack e Michelle Obama. «Io non so se l’attuale presidente degli Stati Uniti è stato con delle prostitute che urinavano una sull’altra», ha detto Comey: «È possibile, ma non lo so».

«È un momento pericoloso per il nostro Paese» – ha detto ancora l’ex direttore dell’Fbi nel corso dell’intervista – paragonando Trump a «una foresta in fiamme». «Può fare enormi danni, può fare danni ai valori fondanti del nostro Paese come la verità». «C’è certamente qualche prova di ostruzione della giustizia» nelle azioni del presidente Usa, probabilmente riferendosi anche a quando Trump gli chiese di porre fine alle indagini sull’ex consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca Michael Flynn.

(Foto Zumapress da archivio Ansa: Yang Chenglin / Xinhua via ZUMA Wire)