L’audio dell’uomo che si è autodenunciato per aver palpeggiato una ragazzina di 12 anni

di Redazione | 13/04/2018

uomo autodenunciato

«Quando ho ascoltato quella chiamata – ha detto Jeff Swain, assistente del procuratore distrettuale – ho dovuto riavvolgere il nastro e riascoltarla una volta e un’altra volta ancora. Non potevo crederci: è la prima volta che ho visto una cosa del genere». La chiamata a cui si riferisce l’agente è quella del 38enne Herb Peterson (di Axle, in Texas), che si è autodenunciato per aver palpeggiato e accarezzato una ragazzina di 12 anni.

LEGGI ANCHE > «A scuola mi hanno costretto a mettere dei cerotti sui miei capezzoli»

UOMO AUTODENUNCIATO, L’AUDIO REGISTRATO DAL 911

L’episodio è avvenuto un anno fa e la sentenza di condanna a 10 anni di carcere è arrivata nei giorni scorsi. Secondo la versione dell’uomo, le molestie sarebbero avvenute mentre la ragazzina stava dormendo: quest’ultima, poi, si è svegliata dopo essersene accorta. A quel punto è arrivata al 911 la telefonata di Herb Peterson, ricevuta da un operatore letteralmente sbalordito da quanto stava ascoltando.

UOMO AUTODENUNCIATO, LE PAROLE DELLA SUA VITTIMA

Una dichiarazione della ragazzina molestata è stata letta in tribunale da suo fratello: la 12enne, infatti, era troppo provata dalla vicenda per poter fare un atto di così grande coraggio da sola. La bambina si è rivolta direttamente all’uomo che l’ha molestata: «Herb – ha scritto -, ‘dolore’ è una parola molto forte, ma è quello che sento davvero. Ho provato a fingere che quello che mi hai fatto non fosse successo, ma non è così. E quando mi guardo allo specchio, penso sempre che sia colpa mia».

Ma come ha fatto Herb Peterson a introdursi nella stanza da letto della 12enne per palpeggiarla? L’uomo era un conoscente della famiglia e si trovava in casa perché era stata organizzata una festa, nel corso della quale le ragazze – figlie delle persone che si trovavano all’interno della cerchia di amici invitati – avevano deciso di fare per conto loro un pigiama party. L’uomo che si è autodenunciato ha tradito la fiducia che dei suoi amici avevano riposto in lui.