Emmanuel Macron accusa la Siria di Assad di aver usato armi chimiche a Douma

di Andrea Mollica | 12/04/2018

Emmanuel Macron

Emmanuel Macron ha accusato la Siria di Assad di aver usato armi chimiche a Douma. Nel corso di una intervista a TF1, la più seguita rete privata francese, il presidente ha affermato  di aver le prove che la responsabilità delle morti per bombe al cloro sia del regime di Bashar Assad.

Emmanuel Macron accusa la Siria di Assad di aver usato armi chimiche a Douma

Macron ha affermato che uno degli obiettivi della sua politica estera è la rimozione della capacità del regime di colpire con armi chimiche la popolazione siriana, al fine di non dover più vedere «le immagini atroci viste in questi giorni, di bambini e donne che stanno morendo» . Una frase che sembra indicare un attacco specifico e mirato a un centro di produzione di armi chimiche, il cui utilizzo è vietato nei conflitti secondo il diritto internazionale.

LEGGI ANCHE > CONSULTAZIONI PER IL GOVERNO, ALLE 15 VERTICE SALVINI-BERLUSCONI-MELONI A PALAZZO GRAZIOLI | LIVE

Emmanuel Macron non ha però chiarito né tempi né modi di un eventuale attacco contro la Siria. «Abbiamo la prova che la settimana scorsa sono state utilizzate armi chimiche in Siria da parte del regime.  Quello che dobbiamo fare in Siria è una priorità, ma in nessun caso la Francia provocherà un’escalation che possa minacciare la stabilità della regione. Ci sono decisioni che prenderemo quando lo riterremo più utile ed efficace», ha rimarcato Emmanuel Macron a TF1 in merito all’eventuale attacco contro Assad.

Macron
July 8, 2017 – Hamburg, Germany – Russian President Vladimir Putin, right, shakes hands with French President Emmanuel Macron prior to the start of their bilateral meeting on the sidelines of G20 Summit meeting July 8, 2017 in Hamburg, Germany. (Credit Image: © Michael Klimentyev/Planet Pix via ZUMA Wire)

Le dichiarazioni del presidente francese assomigliano a quelle di Trump: accuse esplicite contro la Siria per l’uso di armi chimiche, ma nessuna indicazione certa su una rappresaglia militare che rimane solo minacciata.  Angela Merkel ha escluso che la Germania possa partecipare ad azioni militari, anche se ha rimarcato l’appoggio del governo tedesco al contrasto dell’utilizzo delle armi chimiche, che sono inaccettabili per la comunità internazionale.