Busta con proiettile alla giornalista Federica Angeli

di Redazione | 08/04/2018

federica angeli

Una busta con proiettile indirizzata a Federica Angeli, cronista sotto scorta di Repubblica Roma, è arrivata ieri nella sede del Fatto Quotidiano. Angeli, dal luglio 2013, vive sotto scorta per le sue inchieste sulla mafia e la criminalità organizzata lungo il litorale di Ostia.

LEGGI ANCHE > NON C’È “BADGE” CHE TENGA: COME HANNO ALLONTANATO IACOBONI DA “SUM#02”

FEDERICA ANGELI E IL PROCESSO CONTRO GLI SPADA

Il pacco è già stato sequestrato dalla Squadra mobile che ora, insieme alla Digos, sta proseguendo nelle indaginni. La giornalista è stata recentemente sentita come parte offesa nel processo ad Armando Spada, il boss che nel 2013 l’aveva minacciata di morte. Il 19 aprile Federica sarà testimone in aula nel processo che ha come imputati per tentato duplice omicidio Carmine Spada e il nipote Ottavio. Qui la risposta di Federica a questo orrendo atto intimidatorio. E la nostra solidarietà

Volevate farmi sentire che sono nel mirino? Lo sapevo già. Non c’era bisogno vi scomodaste.
Volevate rovinarmi la giornata e farmi tremare lo stomaco? Ok. Bravi.
Ma domani passa.

Stringo forte tutti voi amici miei. Mandarvi un sorriso ora sarebbe ipocrita. Ma vi invito al coraggio, anche oggi. Anche se ce la mettono tutta per farci passare la voglia di lottare. NOI siamo qui. A schiena dritta
#amanodisarmata

(Foto: ANSA / ANGELO CARCONI)