Beatrice Inguì, la ragazza morta in stazione a Torino, è stata derisa su Giente Honesta

di Redazione | 07/04/2018

Beatrice Inguì Giente Honesta

Si macchia di un ulteriore elemento di bassezza la storia della morte di Beatrice Inguì, la giovane studentessa che, secondo gli inquirenti, si sarebbe tolta la vita nella stazione di Torino Porta Susa, andando a finire sotto a un treno in arrivo in banchina. Subito dopo la notizia della sua scomparsa, infatti, il noto gruppo Facebook Giente Honesta – che commenta senza censure i recenti episodi di attualità – ha iniziato a raccogliere commenti davvero deprecabili sulla ragazza.

LEGGI ANCHE > Beatrice Inguì, le sofferenze per l’obesità della ragazza che si è suicidata raccontate da un’amica

BEATRICE INGUÌ E LE ORRENDE OFFESE SU GIENTE HONESTA

Beatrice Inguì, infatti, si sarebbe tolta la vita perché stanca delle tante offese gratuite dovute al suo peso. La ragazza – che secondo il preside dell’istituto che frequentava era anche auto-ironica perché si definiva «non-magra» – in passato avrebbe sofferto molto per questo motivo. E gli inquirenti vedono proprio in questo suo disagio l’origine del probabile gesto estremo.

Il tutto, però, non ha fermato gli sciacalli su Giente Honesta. Come riporta il Corriere Torino, infatti, la community da oltre 55mila followers non ha avuto nessuna pietà dopo la notizia della morte di Beatrice Inguì. Anzi, si è scagliata contro di lei con uno humor nero davvero censurabile e di pessimo gusto. «Non sapevo che farsi mettere sotto da un treno fosse un metodo rapido di dimagrimento», «Abbiamo tutti una brutta persona dentro, alcuni anche più di una», sono soltanto alcuni dei commenti violenti che sono stati scritti dopo che la community ha dato la notizia della sua morte.

HATERS, QUANDO IL WEB DÀ IL PEGGIO

La stupidità del web, che tanto stiamo sottolineando in questi ultimi giorni, si è manifestata ancora una volta. Così, alla sofferenza per la morte di Beatrice Inguì si aggiunge anche la beffa di questo trattamento usato nei suoi confronti. Ed è incredibile come gruppi, pagine e community del genere continuino ad agire indisturbate: nascosti dietro a una tastiera, tanti (spesso molto giovani) haters rovinano vite. A loro insaputa.

Beatrice Inguì Giente Honesta – FOTO: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO