Selvaggia Lucarelli
|

Selvaggia Lucarelli contro Roberto Burioni per la sua polemica contro il Cicciobello morbillino

Selvaggia Lucarelli ha preso in giro Roberto Burioni per la sua polemica contro il nuovo bambolotto della società di giocattoli, Cicciobellino morbillino. Dopo discussioni piuttosto animate sui social media il virologo era intervenuto su Twitter per attaccare il nuovo bambolotto di Giochi Preziosi:«Attendiamo il Cicciobello Linfomino e pure quello Meningitino. Mi chiedo chi siano questi genî che banalizzano malattie gravi senza rispetto per i malati e per i loro familiari. E pensare che me la prendo con gli antivaccinisti. @giochipreziosi».

Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli contro Roberto Burioni per la sua polemica contro il Cicciobello morbillino

L’editorialista del Fatto Quotidiano trova la polemica assolutamente pretestuosa. «Va bene la scienza, ma dopo solo mezza giornata di polemiche su Morbillino m’è venuta voglia di telefonare alla pediatra e di chiedere la revoca dei vaccini. Vorrei capire chi, con un Cicciobello Morbillino in casa, potrebbe mai convincersi del fatto che il morbillo si curi con la penna magica e una salviettina. Vorrei capire come sia possibile che anche un giocattolo diventi fonte di strumentalizzazioni e slogan facili per rimarcare il concetto che coi vaccini non si scherza», scrive criticando le posizioni di Roberto Burioni, definito guru sì-vax, rimarcando come l’intera polemica sia una «discreta minchiata» nel pezzo sul Fatto Quotidiano di oggi. Selvaggia Lucarelli, dopo aver ricordato di aver fatto vaccinare suo figlio, ha poi ironizzato sui pericoli di diversi giocattoli.

LEGGI ANCHE> CONSULTAZIONI AL QUIRINALE, OGGI MATTARELLA INCONTRA PD, FORZA ITALIA, LEGA E M5S | LIVE

In una intervista a Radio Capital Enrico Preziosi, fondatore e presidente del gruppo della multinazionle di giocattoli, aveva detto che Burioni dice stupidaggini, visto che fa del moralismo del web non sapendo che esistono bambolotti malati già da molti anni. «Burioni si mette a fare il moralista sul web. Quel signore si preoccupa della banalizzazione di una malattia così importante del morbillo, spero che l’abbia avuta, così se la ricorda. Se si fosse occupato un po’ di giochi si sarebbe accorto che quel gioco, la bambina che cura il bambolotto, da cinquant’anni, come Cicciobello bua. Adesso ha tirato fuori Cicciobello col tumore, ma si vergogni…Se Burioni si occupasse di cose importanti e non di stupidaggini forse farebbe qualcosa di utile nella sua vita», ha detto Preziosi.