Un tir in Via del Corso: ha eluso la sicurezza per la Pasqua a Roma

di Redazione | 30/03/2018

tir via del Corso

Non è da tutti i giorni vedere un tir in pieno centro a Roma. Specialmente se la strada in questione è via del Corso, nota per lo shopping. Soprattutto se si tratta del periodo pasquale quando, visto il livello d’allerta e visti i tanti eventi in programma, il livello di sicurezza nella Capitale è massimo. Invece, il tir – con targa turca – ha eluso un primo controllo ed è riuscito a entrare nella strada molto affollata, prima di essere fermato dai carabinieri proprio ai limiti della green zone.

LEGGI ANCHE > Terrorismo, smantellata la rete in Italia di Anis Amri: l’autore della strage di Berlino

TIR VIA DEL CORSO, IL COMMENTO DEI CARABINIERI

I militari dell’Arma annunciano soddisfatti: «La circostanza dimostra l’assoluta reattività del dispositivo di sicurezza della ‘green zone’». Un sistema che non prevede chiusure predefinite, ma un attento controllo ai varchi d’ingresso delle aree attenzionate. Insomma, proprio una piccola distrazione avrebbe permesso al conducente di spingersi in una strada che non avrebbe potuto percorrere.

«Non sapevo del divieto» – avrebbe detto il conducente del mezzo, spiegando che doveva scaricare biancheria in un negozio del centro storico. Dopo averne accertato la buona fede, il conducente è stato scortato fuori dalla zona di sicurezza.

TIR VIA DEL CORSO, RESTANO LE PERPLESSITÀ

Il tir procedeva a passo d’uomo (probabilmente anche incerto sul da farsi) e per questo motivo i carabinieri hanno avuto gioco facile a fermarlo e a fare gli opportuni controlli del caso. In un periodo così delicato per la sicurezza nazionale, tuttavia, ci si chiede cosa sarebbe accaduto se il conducente del mezzo pesante avesse avuto cattive intenzioni. La domanda che ci si pone – alla luce delle modalità di attentati che hanno scosso l’Europa, dalla Francia alla Spagna, passando dalla Grand Bretagna e dalla Germania – è una sola: basta controllare i varchi – senza chiuderli – per poter evitare problemi ben più gravi?

Intanto è già polemica sui social network: