Claudia Cretti
|

Dal coma alla maglia rosa, lo splendido percorso di Claudia Cretti

Quando si è alzato il sipario sulla 29ma edizione del Giro Rosa, c’è stato una sorta di sorpresa generale nella platea della Villa Reale di Monza. A indossare la maglia rosa di rappresentanza, infatti, c’era Claudia Cretti: la 21enne atleta del Team Valcar-PBM ha sfoggiato il suo sorriso e la sua meravigliosa voglia di esserci. Esattamente otto mesi fa, infatti, nel corso della tappa Isernia-Baronissi dell’edizione 2017 del Giro d’Italia donne, la Cretti volò dalla sua bicicletta a oltre 90 chilometri all’ora.

LEGGI ANCHE > Dramma al Giro Rosa, Claudia Cretti operata due volte: è in coma farmacologico

CLAUDIA CRETTI, DALL’INCUBO ALLA PRESENTAZIONE DEL 29° GIRO ROSA

Un incidente gravissimo, il trasporto in ospedale, tre lunghissime settimane di coma. Poi il risveglio, il recupero e la riabilitazione. Da qualche tempo, la ragazza che ha commosso il mondo del ciclismo è ritornata in sella, con la voglia di tornare ad assaggiare il clima di una gara, il desiderio di far parte del gruppo, di poter alzare le braccia al cielo a un traguardo volante.

Magari di indossare quella stessa maglia rosa per essersela conquistata sul campo e non soltanto per un’iniziativa promozionale. Fatto sta che oggi, mentre i vertici della federazione e dell’organizzazione della corsa stavano annunciando il percorso del Giro Rosa 2018, gli occhi del pubblico erano tutti per lei. E non importa se si annunciava il ritorno della scalata del Monte Zoncolan dopo la prima volta (mutilata della cima) del 1997: la serenità di una Claudia Cretti ritrovata ha regalato un sospiro di sollievo a tutti.

CLAUDIA CRETTI HA CONQUISTATO TUTTI

Così, tra la presentazione di una cronometro a squadre e quella di una tappa per velocisti, il patron della manifestazione Giuseppe Rivolta si è fatto sfuggire un «mi hai fatto emozionare» e i fotografi hanno fatto scattare i loro flash. Il Giro Rosa 2018, dieci tappe, alcune durissime e dal finale mozzafiato, è iniziato davvero sotto gli auspici di una vera e propria rinascita sportiva. Che farà bene a tutto il movimento del ciclismo femminile.