Luigi Iovino
|

Luigi Iovino, chi è il deputato M5S che ha votato Fico arrivando in Panda | VIDEO

Tra i volti nuovi di questa legislatura – che abbiamo imparato a conoscere meglio nei giorni concitati dell’elezione dei presidenti di Camera e Senato – c’è anche il campano Luigi Iovino, direttamente da San Paolo Bel Sito. 25 anni, compiuti da poco (giusto in tempo per acquisire il diritto di elettorato passivo), il giovane parlamentare che ha fatto per la prima volta il suo ingresso a Montecitorio in questi giorni sembra già avere ben chiaro cosa significa promozione e brand.

LEGGI ANCHE > Marco Travaglio dice che la Casellati è «un Ghedini con parrucca e gonna»

LUIGI IOVINO, IL VIDEO DEL SUO ARRIVO A ROMA IN PANDA

E il suo marchio di fabbrica – a sorpresa – risulta essere un’icona del made in Italy degli anni Ottanta-Novanta. Ovvero una Panda. Già, perché Luigi Iovino a Roma si è presentato così, con la sua vettura bianca, un po’ vintage, parecchio scomoda. Il veicolo Fiat lo ha accompagnato per tutta la durata della sua campagna elettorale e – a giudicare dall’età della macchina – sembra che in realtà lo abbia seguito da sempre, sin da quando ha preso (non molto tempo fa, in verità) la patente.

Su Facebook non ha mancato di sottolineare questo aspetto, nelle numerose dirette social e nei suoi tanti post di presentazione del proprio programma elettorale. Direttamente dall’Università di Salerno (dove ha militato nei movimenti studenteschi, riuscendo a ottenere anche le cariche che spettano agli iscritti), passando per l’autogrill La Macchia di Anagni, è partito con un gruppo di amici sempre alla guida del suo fedele destriero. Insomma, una sorta di Don Chisciotte moderno, con tanto di Ronzinante motorizzato.

LUIGI IOVINO, L’ELEZIONE DEL SUO IDOLO ROBERTO FICO

Nel corso della giornata di ieri, è arrivato a Montecitorio (immaginiamo la fatica per trovare parcheggio) per votare come presidente della Camera il suo mentore e conterraneo Roberto Fico. L’elezione del deputato è stata salutata – ovviamente – con un post su Facebook.

La legislatura è iniziata, carica di belle speranze. Chissà se Luigi Iovino saprà resistere alle tentazioni dei palazzi romani e se resterà sempre fedele alla sua Panda.