regione lazio
|

Ma che sta succedendo alla Regione Lazio?

Il governatore della Regione Lazio appena rieletto, Nicola Zingaretti deve affrontare una piccola, grande grana. Anche se ha vinto le elezioni per la Pisana non ha la maggioranza dei seggi. Stamane, secondo quanto riportava il Messaggero, i 26 consiglieri di opposizione che hanno un voto in più in consiglio rispetto alla coalizione di centrosinistra, accarezzerebbero l’idea di dimettersi in blocco. Una idea in realtà sostenuta da Pirozzi. Ma la 5 stelle Lombardi, nell’arco della giornata, non ha poi seguito il sindaco di Amatrice, adesso suo collega in Regione.

REGIONE LAZIO: PIROZZI LANCIA L’IDEA DI DIMISSIONI DI MASSA, ROBERTA NON LO SEGUE

Cosa è successo? Partiamo da quello che ha dichiarato oggi Pirozzi. «Se tutte le opposizioni sono compatte, se hanno presentato un programma alternativo a quello del presidente, mi sembra logica la ‘sfiducia’. Altrimenti la Regione non sarebbe governabile in queste condizioni», ha aggiunto oggi il consigliere regionale e sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi all’ ANSA. Pirozzi pensa a una raccolta firme dei consiglieri dimissionari prima dell’elezione del presidente del Consiglio, eleggerlo e poi consegnargliele il giorno stesso o alla seduta successiva. «E’ anche un modo – spiega- per evitare che si mettano d’accordo». Pirozzi afferma di averne parlato con Roberta Lombardi e con Matteo Salvini «perché è il leader del centrodestra certificato dalle elezioni. Lombardi mi ha detto che tendenzialmente era d’accordo ma che doveva parlare con i suoi. Salvini è d’accordo, certo dovrà parlare con Berlusconi, Meloni e Fitto».

Ai 5 stelle però risulta altro. Roberta Lombardi ha respinto l’invito. «Già a Roma, nel 2015, nonostante la nostra forte richiesta di dimissioni nei confronti dell’ex Sindaco Marino, ci rifiutammo di andare a firmare le dimissioni dal notaio insieme agli altri consiglieri del Partito Democratico. Quel tipo di metodo non ci appartiene».

Stamane Zingaretti ha lavorato su un altro fronte 5 stelle. Quello con il Campidoglio. Ha incontrato la sindaca Virginia Raggi. Un incontro definito all’insegna di «convergenze tematiche». «Abbiamo parlato di alcune questioni su cui possiamo trovare convergenze tematiche, che ritengo possano essere utili tanto a Roma quanto alla Regione», ha spiegato l’esponente di M5S al termine dell’incontro. «Un’occasione per ripartire, di confronto su temi di governo che ora hanno bisogno di una collaborazione più stringente», ha confermato Zingaretti. Convergenze che, oggi, sono tornate piuttosto utili.

(La sindaca di Roma Virginia Raggi e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti parlano con i giornalisti in occasione del loro incontro in Campidoglio, Roma, 15 marzo 2018. ANSA/MASSIMO PERCOSSI)