Casaleggio Associati assume su LinkedIn

di Redazione | 15/03/2018

Casaleggio Associati

Casaleggio Associati, la Srl milanese che fornisce molti servizi digitali al Movimento 5 Stelle, assume su LinkedIn.

Casaleggio Associati assume su LinkedIn

Nella giornata di ieri sul popolare sito di offerte di lavoro è comparso un annuncio di un partner della Casaleggio Associati, Maurizio Benzi, per una posizione da consulente digital strategy, per una collaborazione da freelance oppure full-time. Queste sono le mansioni lavorative offerte da Casaleggio Associati.

Casaleggio Associati

Casaleggio Associati è alla ricerca di una persona esperta in Digital Strategy per le proprie attività di consulenza.
La candidatura è aperta a più possibilità di collaborazione:
– Consulenti freelance
– Consulenti fulltime
– Consulenti part-time (smart working)
Il profilo ideale ha almeno 2-3 anni di esperienza nel marketing e nella comunicazione digital e comprovata capacità nella realizzazione e gestione di progetti digital.

 

 

Il Digital Strategist si interfaccerà direttamente con il team di progetto per la definizione e realizzazione di analisi, strategie e sviluppo dei progetti.
Avrà il compito di:
Progettare strategie di comunicazione e di marketing online
Effettuare analisi di mercato, benchmarking e competitor analysis
Definire business plan per progetti digitali
Ideare piani di comunicazione Marketing e Social
Analizzare metriche e KPI in funzione degli obiettivi di progetto

LEGGI ANCHE > ROCCO CASALINO ESAMINA OLTRE MILLE GIORNALISTI PER I NUOVI ADDETTI STAMPA M5S

L’inserzione su LinkedIn della Casaleggio Associati è curiosa perché arriva subito dopo il risultato trionfale per il M5S alle elezioni politiche. I tanti neoeletti del M5S si sono impegnati a versare 300 euro al mese per coprire le spese di Rousseau, la piattaforma digitale che consente agli iscritti del Cinque Stelle di votare programmi e candidati. L’unico membro dell’associazione Rousseau è Davide Casaleggio, presidente della Srl, anche se tra l’annuncio di lavoro e i finanziamenti degli eletti non sembrano esserci legami, come invece sospetta un articolo del Giornale di oggi.