Nelle buche di Roma oggi crescono le primule | VIDEO

di Gianmichele Laino | 12/03/2018

fiori buche roma

Dai diamanti non nasce niente, dalle buche nascono i fior. Si potrebbe utilizzare questa parodia di un verso di De Andrè per spiegare l’iniziativa partita a Roma nel Municipio VII. Oppure, si potrebbe modificare di poco uno slogan molto in voga in alcuni ambienti degli anni Settanta, lanciando lo spot «Mettete i fiori nelle vostre buche». C’è ironia e senso civico in questo video che mostra ciò che un gruppo di ragazzi – il cui ambiente politico di riferimento è vicino al Partito Democratico – ha fatto nei giorni scorsi nella Capitale.

LEGGI ANCHE > #Karabuche, i tweet più belli sulle buche d’asfalto a Roma

FIORI BUCHE ROMA, IL VIDEO SU FACEBOOK

Luca Di Egidio, consigliere provinciale degli studenti, ha voluto riempire le buche di Roma con delle primule: ha acquistato dei sacchi di terriccio, ha ricoperto i crateri – che specialmente negli ultimi giorni sono aumentati in maniera esponenziale a Roma – e ha disseminato per la città alcuni fiori primaverili. «Emergenza #buche – scrive su Facebook –. Motorini che cadono, pneumatici che si bucano. E i romani fanno lo slalom tra i crateri. Così non si può andare avanti. Visto che le segnalazioni non bastano per far agire l’amministrazione Raggi, abbiamo lanciato una manifestazione pacifista dal VII».

FIORI BUCHE ROMA, IL SENSO DELL’INIZIATIVA

L’iniziativa, che ha avuto già diversi consensi, è partita innanzitutto dalle periferie, dove c’è più bisogno di bellezza. Ma a breve – secondo gli organizzatori – si estenderà anche in altri punti della città. In questi giorni, complici le avverse condizioni atmosferiche, il fondo stradale della Capitale è stato messo davvero a dura prova. E mentre l’amministrazione guidata da Virginia Raggi ha annunciato un vero e proprio «piano Marshall» per le buche, il ripristino del manto dell’asfalto procede a un ritmo troppo lento rispetto alla diffusione del problema.

Non resta, quindi, che utilizzare l’ironia e provare a dare una scossa all’ambiente. Senza esasperare i toni, ma con un semplice mazzo di fiori. In segno di pace.

(FOTO da Facebook Luca D’Egidio)