Gaia Mogherini
|

La nipote della Mogherini arrestata (di nuovo) per spaccio

Nel corso dell’operazione della Procura di Roma che ha individuato in due discoteche della capitale – Jackie O e Notorius – un vero e proprio centro di compravendita di droga, sono state arrestate 21 persone e, tra queste, anche Gaia Mogherini, ventisettenne nipote dell’Alto Commissario per la Politica Estera dell’Unione Europea Federica Mogherini.

LEGGI ANCHE > Il titolo sessista di Libero su Federica Mogherini che perde il Nobel

GAIA MOGHERINI, IL PRIMO E IL SECONDO ARRESTO

Non è la prima volta, del resto, che ciò accade. Già nell’ottobre del 2016, Gaia Mogherini era stata arrestata con la stessa motivazione: in quella circostanza aveva scontato gli arresti domiciliari. Evidentemente, però, non è bastato a farla ricadere nello stesso errore.

Il gip Roberto Saulino, nel suo atto d’arresto, ha definito la ragazza «nullafacente e pregiudicata». L’inchiesta coordinata dalla Procura di Roma mira a colpire il traffico di stupefacenti negli ambienti «bene» della Capitale. Gaia Mogherini è figlia di un fratellastro di Federica Mogherini, molto più grande di lei e con la quale la donna non avrebbe particolari contatti da tempo.

Lo spaccio di cocaina – secondo le ricostruzioni degli inquirenti – avveniva pressoché quotidianamente con sostanza pura al 97%, particolarmente apprezzata dai consumatori abituali. Gli investigatori sono risuciti ad arrivare anche all’origine dello spaccio: le sostanze stupefacenti arrivavano in pieno centro (via Veneto), partendo dai quartieri periferici di La Rustica, Alessandrino, Casilino e Montespaccato.