L’algoritmo di Facebook fa chiudere LittleThings, il sito di notizie positive

di Stefania Carboni | 28/02/2018

little things

Ecco il primo grandioso risultato del nuovo algoritmo di Facebook sui media on line. LittleThings, testata femminile, sta chiudendo. A rivelarlo è il CEO della società, Joe Speiser, a Business Insider.

La scomparsa di LittleThings dal flusso social è stata segnalata per la prima volta da Lucia Moses di Digiday.

La crisi di LittleThings è un vero peccato per due semplici motivi. La testata pubblicava un mix di notizie positive e contenuti di servizio sulla falsariga delle ricette per la cena di  di San Valentino. La società ha anche prodotto una lista regolare di contenuti video dal vivo su Facebook, anche con ospiti famosi. Little Things ha raccolto 12 milioni di fans e i suoi video generavano, regolarmente, migliaia, se non milioni di visualizzazioni .

Speiser ha detto che il recente spostamento dell’algoritmo, che secondo Facebook è stato progettato per ridurre il contenuto che è consumato passivamente ha assorbito circa il 75% del traffico organico di LittleThing, demolendo così i margini di profitto.

Ecco parte del comunicato aziendale ai suoi lettori

“Urgente: chiusura di LittleThings” …

Oggi, 27 febbraio, LittleThings chiuderà definitivamente i battenti. Chiude dopo 8 anni come società di e-commerce, e 4 anni con LittleThings. Abbiamo visto un gruppo creare uno dei marchi più grandi e più emotivi su Facebook. Così molti di voi sono diventati super star nello spazio dei social media. Non ci siamo mai sentiti così orgogliosi e benedetti nel far parte di un gruppo così straordinario di persone.

All’inizio di febbraio avevamo numerose offerte di acquisizione per LittleThings che avrebbero generato un sostanziale ritorno per le opzioni di tutti, oltre a garantire le loro carriere nel futuro.

Sfortunatamente, mentre stavamo ricevendo queste offerte, è entrato in vigore un aggiornamento catastrofico completo dell’algoritmo di Facebook. La priorità del contenuto di amici / familiari rispetto agli editori è stata l’ultima goccia. Il nostro traffico organico (il margine più alto) e il traffico d’influenza sono stati ridotti di oltre il 75%. Nessun precedente aggiornamento dell’algoritmo si è mai avvicinato a questo livello di decimazione. La posizione in cui ci ha inserito era al di là di ogni cosa. Le aziende che cercavano di acquisire LittleThings si sono spaventate e hanno prontamente abbandonato il processo di vendita, lasciandoci a repentaglio dei nostri debiti bancari e accelerando la fine della nostra incredibile storia.