Buffon
|

Gianluigi Buffon furioso contro la Juventus per la proposta di dimezzargli lo stipendio in caso di rinnovo

Gianluigi Buffon è furioso contro la Juventus secondo Dagospia. Il capitano della squadra bianconera, in cui gioca ormai dal lontano 2001, quando molti suoi tifosi non erano ancora nati, avrebbe reagito con grande rabbia alla proposta del presidente Andrea Agnelli in merito al suo possibile rinnovo contrattuale. Buffon aveva affermato l’anno scorso che questa sarebbe stata la sua ultima stagione nel calcio professionistico a meno di una vittoria della Champion’s League.

Gianluigi Buffon furioso contro la Juventus per la proposta di dimezzargli lo stipendio in caso di rinnovo

La prospettiva di una vittoria della Juventus nella coppa europea più importante è piuttosto debole, dopo il brutto pareggio interno col Tottenham, ma il capitano bianconero ha fatto intendere a  più riprese di voler giocare ancora un altro anno in Serie A.  Secondo Dagospia il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, sarebbe disponibile a rinnovare l’onerose contratto di Buffon solo con una drastica riduzione della retribuzione.

LEGGI ANCHE > «CIAO SONO DI UN CASTING MEDIASET, POTRESTI MANDARMI LE TUE FOTO?»

«Ecco perché ha fatto intendere di essere disposto a riconoscergli meno della metà dei 4,5 milioni di euro netti (8,33 lordi) percepiti ora. Appresa l’entità della “proposta”, Buffon è andato su tutte le furie. Vuole fino all’ultimo centesimo dello stipendio che pensa di meritare dopo 17 anni di Juventus», scrive il sito di Roberto D’Agostino. Secondo Dagospia ci sarebbe un altro ostacolo per il rinnovo di Gianluigi Buffon: Massimiliano Allegri.

 

L’allenatore bianconero, che non è sicuro di rimanere alla guida della Juve nella prossima stagione, aveva ostacolato la volontà di Filippo Inzaghi di prolungare la sua carriera al Milan. Secondo Dagospia  Allegri avrebbe già «fatto capire che, ove mai restasse, il portiere – non più così reattivo tra i pali – dovrà accettare il ruolo di comprimario. Non sarà titolarissimo e dovrà lasciare spazio all’erede designato, il polacco Szczesny». Dagospia in passato aveva già raccolto voci, parzialmente confermate, sulle tensioni in casa bianconera.

Foto copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO