macron
|

In Francia torna il servizio militare obbligatorio, anche per le ragazze

In Francia torna il servizio militare obbligatorio. E torna anche per le ragazze. La decisione è stata confermata martedì dal presidente Emmanuel Macron ad un incontro con alcuni giornalisti, chiarendo dopo dichiarazioni un po’ contraddittorie di alcuni membri del governo. La leva obbligatoria viene reintrodotta dopo essere stata cancellata nel 1997.

Francia: arriva la leva obbligatoria universale, servizio militare anche per le ragazze

Macron, che ha affermato che il servizio militare sarà «nazionale, obbligatorio e universale», è stato il primo presidente a non aver effettuato il servizio di leva obbligatorio ma ha fatto del suo ritorno uno dei punti del programma elettorale che lo ha portato all’Eliseo. Allora l’aspirante presidente aveva parlato di un servizio di un mese, mentre ora parla di un periodo che va dai tre ai sei mesi. senza «che ci sia un impatto sul percorso universitario». Ora Macron aspetta le conclusioni di una relazione parlamentare con varie proposte per organizzare la riforma. Tra le idee anche quella di spezzare in diverse fasi il periodo di servizio militare e la possibilità di combinare servizio civile e militare. I dettagli della nuova riforma saranno comunque noti nella prossima estate. Certamente, essendo «universale» si applicherà anche alle ragazze. Secondo alcune stime ad essere reclutati saranno almeno 700mila giovani ogni anno. Le nuove generazioni dovranno imparare la disciplina e il rispetto per le regole della società e dovranno condividere un’esperienza con giovani di altre origini e classi sociali.

Macron ha fatto sapere che «non si tratta di ricreare delle concentrazioni massicce» come avveniva nelle caserme, e che il costo della riforma non sarà «proibitivo». Secondo il presidente la leva obbligatoria servirà anche «per vedere come va la salute delle persone». L’impegno non sarà esclusivamente militare: il servizio militare obbligatorio potrà includere un’introduzione alla pratica militare. Non dovrebbe prevedere come avveniva un tempo l’alloggio e la permanenza nelle caserme.

(Foto Zumapress da archivio Ansa. Credit:: Ye Pingfan / Xinhua via ZUMA Wire)