Samantha Cristoforetti
|

La falsa intervista su Samantha Cristoforetti

«Ieri sono venuta a sapere che su un periodico online, descritto sul sito medesimo come “testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma”, era stata pubblicata una mia intervista, che non ho mai rilasciato». Con queste parole l’astronauta Samantha Cristoforetti racconta sui social un episodio che ha dell’assurdo. «Ho segnalato la cosa all’ufficio comunicazione dell’Agenzia Spaziale Europea – spiega – che a sua volta ha contattato la redazione. L’intervista è stata rimossa poco dopo, nonostante avessi chiesto che restasse online con un paragrafo introduttivo di spiegazione e di scuse a lettori e lettrici. Ritengo che errori come questo non vadano cancellati, ma riconosciuti e corretti. Rimuovere il pezzo non aiuta chi l’ha già letto e preso per autentico».

LEGGI ANCHE > La vera storia del ragazzo di colore senza biglietto sul Frecciarossa 9608

Cristoforetti ha deciso di non denunciare: «Non conosco le situazioni personali delle persone coinvolte, a partire dall’età e dalle necessità materiali, e non voglio entrare in una dinamica in cui mi troverei, per un probabile squilibrio di notorietà, a rispondere con un missile a chi mi ha tirato un sassolino». Elegantemente però spiega cosa è successo. E replica a quelle domande a cui, di fatto, non ha mai risposto.

Cara Lucia Rossi (nome di fantasia per tutelare la giornalista che ha sbagliato ndr),
qualche tempo fa, Lei ha presentato all’Agenzia Spaziale Europea (ESA) una richiesta di intervista con una bozza di domande, che corrispondono a quelle pubblicate ieri in un pezzo a sua firma. La richiesta è stata declinata. Ha scritto quindi Lei stessa le risposte alle domande e le ha pubblicate, o lasciato che venissero pubblicate, come un’intervista fatta da Lei a me. Naturalmente non ci ha chiesto l’autorizzazione a procedere in questo modo, né ci ha informati. Dopo la segnalazione da parte di ESA alla redazione del sito, il pezzo è stato rimosso. Così mi sembra di poter ricostruire i fatti. Mi sbaglio?

Ormai quasi 24 ore fa una mia collega dell’ufficio stampa L’ha contattata e Le ha chiesto conto di questa “intervista”. Lei ha riposto dicendo che io avrei comunque detto in altre occasioni le frasi che mi ha attribuito. Ammesso e non concesso che questo sia vero, credo di non dover sottolineare come questa non sia una giustificazione. Della gravità di questo fatto risponderà, credo, alla redazione del periodico online ha cui ha venduto l’intervista fasulla. Non voglio nemmeno contemplare in questa sede l’ipotesi che essa sia stata complice consapevole dell’imbroglio a lettori e lettrici.

«La maggior parte delle risposte che mi attribuisce – spiega rivolgendosi a chi di merito – sono pezzi della mia biografia ufficiale e dettagliati dati storici riguardanti alcune astronaute. Credo che nessuno, in un’intervista, risponda citando letteralmente la propria biografia pubblicata e certo non ho la conoscenza enciclopedica che mi attribuisce, ma le parti che mi hanno disturbata di più sono altre. Passo a segnalargliene alcune». Ecco qui un esempio.

Domanda N. 1
Sono in pochi ad avere il privilegio di essere scelti per una missione nello spazio. Come ci si sente a far parte degli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea?

“È un grande onore per me far parte dell’Agenzia Spaziale Europea ma, soprattutto, essere stata la prima donna italiana a mettere piede nello Spazio.”

Cara Lucia Rossi, io non ho mai sottolineato il fatto di essere la prima donna italiana ad essere andata nello spazio. Di solito mi capita, al contrario, di dover de-enfatizzare questo aspetto. Come ho detto più volte, sono felice di avere realizzato il mio sogno di andare nello spazio. Non sarei stata meno felice e “onorata”, per usare la sua parola, se fossi stata la seconda, la terza o la quarta astronauta italiana. Come può immaginare, è irritante che mi si mettano in bocca parole che enfatizzano qualcosa che io ho sempre de-enfatizzato. Inoltre, mi infastidisce che mi faccia dire “mettere piede nello spazio”. Non è un’espressione che mi appartiene e mi sembra molto brutta.

Il restante, lungo, post di Samantha Cristoforetti su Google Plus potete trovarlo qui.

(foto ANSA/Salvatore Esposito/Pacific Press via ZUMA Wire)