Cecilia Strada
|

Cecilia Strada presa in giro da CasaPound perché è troppo brutta per far sesso coi fascisti

CasaPound sfotte Cecilia Strada per il suo aspetto estetico, dopo il polemico post diventato virale della ex presidente di Emergency. Sul suo profilo Facebook Cecilia Strada aveva condiviso una fotografia dove si leggeva una scritta su un muro: «Non scopate coi fascisti Non fateli riprodurre».

Cecilia Strada

 

Cecilia Strada presa in giro da CasaPound perché è troppo brutta per far sesso coi fascisti

Sul wall della figlia di Gino Strada il post ha suscitato molti commenti, spesso insultanti verso l’ex presidente di Emergency. La polemica non poteva certo sfuggire a CasaPound, che promuove con grande impegno l’impegno per la Nazione e la difesa di “noi Italiani” (siamo ironici, se sfuggisse) su Facebook e Twitter, social media che per i fascisti di Iannone e Di Stefano sono come l’Abissinia o la Grecia per i soldati di Benito Mussolini.  Sul Primato Nazionale, rivista e sito web di CasaPound, è stato pubblicato un attacco piuttosto squallido contro Cecilia Strada.

LEGGI ANCHE > MARCO CAMUFFO E PIETRO COSTA, LE DOMANDE DEGLI AVVOCATI DEI CARABINIERI INDAGATI PER GLI STUPRI DI FIRENZE SULLE STUDENTESSE AMERICANE

La critica fondamentale alla figlia di Gino Strada è il suo aspeto estetico. Secondo Elena Sempione Cecilia Strada è troppo brutta per essere scopata da un fascista. «L’antifascismo catacombale deve essere il feticcio numero uno a casa Strada. Se Gino, il noto fondatore di Emergency, ha recentemente partecipato alla manifestazione di Macerata (quella dei cori contro i martiri delle foibe), invocando lo scioglimento dei “movimenti fascisti”, la meno nota figlia Cecilia si è distinta per un post Facebook che ha fatto il giro del social network, scatenando una bella flame war..Ad ogni modo, conoscendo il profilo estetico medio delle antifasciste femministe antirazziste (in cui la Strada rientra appieno), probabilmente per i “fasci” l’eventualità di un rapporto sessuale con le “compagne” non si sarebbe proprio posta. Ma d’altronde, si sa, ogni regola ha le sue eccezioni. Forse la Strada si stava rivolgendo proprio a loro».

LEGGI ANCHE > LA VERA STORIA DEL RAGAZZO DI COLORE SENZA BIGLIETTO SUL FRECCIAROSSA 9608

 

Un’argomentazione davvero notevole, quella espressa dal giornale di CasaPound, sul livello della guerra da dichiarare alla Libia per riportare il Paese africano alla normalità e così fermare il flusso dei migranti.