Stefano Bisi
|

Stefano Bisi critica Renzi per aver affiancato i massoni a «scrocconi e truffatori» del M5S

Stefano Bisi ha criticato Matteo Renzi per aver affiancato i massoni agli «scrocconi e truffatori del M5S». Il giornalista toscano, gran maestro del Grande Oriente d’Italia, la più importante loggia massonica del nostro Paese, è intervenuto su Twitter per replicare a questo tweet del segretario del PD.

Stefano Bisi critica Renzi per aver affiancato i massoni a «scrocconi e truffatori del M5S»

«Il Movimento Cinque Stelle ha riempito le liste di candidati scrocconi, truffatori e massoni? Serve una risposta chiara: . Lo diciamo per la democrazia, non per noi. Chi è il loro candidato a Pesaro ad esempio? Noi abbiamo Minniti. I CinqueStelle hanno ancora un candidato?», ha scritto Renzi, condividendo il video delle Iene sull’inchiesta sulle presunte false rendicontazioni di alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle.

Stefano Bisi

LEGGI ANCHE > COME È NATA (DAVVERO) LA STORIA DEI CORI SULLE FOIBE A MACERATA

Stefano Bisi, uno dei più noti massoni d’Italia, dal 2014 gran maestro del Grande Oriente d’Italia, ha redarguito il segretario del PD evidenziando il carattere diffamatorio di un simile accostamento:  «Mi permetto di dire che è sbagliato e diffamatorio per noi massoni accomunarci a truffatori e scrocconi». Il tweet del gran maestro è stato subito ritwittato anche dal profilo ufficiale dell’ufficio stampa e comunicazione del Grande Oriente d’Italia.

LEGGI ANCHE > PAMELA MASTROPIETRO DEFINITA UN’OCA DROGATA FINO AL MIDOLLO DA VITTORIO FELTRI

 

Il tweet di Stefano Bisi sembra volutamente ambiguo. Da una parte critica Matteo Renzi per una affermazione da lui ritenuta diffamatoria nei confronti dei massoni per l’accostamento a truffatori e scrocconi, dall’altra parte sembra prendersela anche col M5S. I Cinque Stelle hanno storicamente una posizione di forte critica nei confronti della massoneria, tanto da che l’iscrizione al blog di Beppe Grillo è incompatibile con l’affiliazione a una loggia.

 

Foto copertina:  Fabio Sasso via ZUMA Wire