Rimborsi M5S, Barbara Lezzi e il ‘gombloddo’ dei bonifici revocati in banca: «Chiederò una verifica»

di Gianmichele Laino | 12/02/2018

Barbara Lezzi

Il ciclone della mancata restituzione dei rimborsi parlamentari di deputati e senatori del Movimento 5 Stelle sollevato dal programma Le Iene sta rischiando di travolgere la campagna elettorale di diversi esponenti politici chiamati al loro secondo mandato. Dopo i casi di Andrea Cecconi e Carlo Martelli, nel mirino ci sono anche quelli di Barbara Lezzi e di Maurizio Buccarella.

LEGGI ANCHE > Due parlamentari del M5S, Cecconi e Martelli, se rieletti rinunceranno al seggio

BARBARA LEZZI RIMBORSI: IL POST SU FACEBOOK

Secondo una denuncia di un anonimo ex attivista del Movimento, alcuni parlamentari avrebbero soltanto «fatto finta» di effettuare i bonifici, salvo poi revocarli nelle 24 ore successive. Tra questi, come si evince dal servizio di Filippo Roma, potrebbero esserci anche i casi di Barbara Lezzi e di Maurizio Buccarella, appunto.

La Lezzi, per spazzare via qualsiasi dubbio, ha scritto su Facebook che chiederà una verifica alla sua banca per determinare che «i bonifici che effettuati in questi anni non siano stati revocati».

BARBARA LEZZI RIMBORSI, SERVE DAVVERO TUTTO QUESTO TEMPO PER DIMOSTRARE LA BUONA FEDE?

Pertanto, la parlamentare si starebbe cautelando, cercando di ottenere tutti i documenti del caso. Ma ci sono mezzi molto più rapidi per verificare una cosa del genere (ad esempio l’online banking) che potrebbero allontanare qualsiasi dubbio in pochissimi minuti, senza bisogno di andare a fare la «fila» in banca.

Insomma, il post della Lezzi sembrerebbe piuttosto essere frutto di una strategia per guadagnare tempo. Anche perché, dal momento in cui il servizio delle Iene è stato girato, fino a ieri sera quando poi è andato in onda, il tempo per fare le verifiche del caso ci sarebbe stato. La vicenda, insomma, sta assumendo dei contorni paradossali. La risposta da dare – tuttavia – è molto semplice e può essere fornita senza mirabolanti giri di parole o verifiche da controspionaggio: i parlamentari del Movimento 5 Stelle hanno davvero restituito i rimborsi elettorali o no?