Pamela Mastropietro
|

Pamela Mastropietro, l’unica manifestazione per lei organizzata dalla comunità nigeriana

Macerata è diventata il centro della campagna elettorale italiana, apparentemente. La tragica fine di Pamela Mastropietro e l’attentato razzista di Luca Traini organizzato per vendicare la morte della giovane fatta a pezzzi dopo la sua morte hanno spinto partiti e movimenti a concentrarsi su Macerata.

Pamela Mastropietro, l’unica manifestazione per lei organizzata dalla comunità nigeriana

La destra estrema di CasaPound e Forza Nuova ha presidiato la cittadina marchigiana per tuonare contro l’immigrazione. Movimenti di sinistra hanno organizzato una manifestazione per condannare l’attentato di stampa fascista di Traini. La destra istituzionale di Salvini e Meloni si è dedicata invece ai social media per condannare i nigeriani accusati di omicidio come brutali macellai simbolo dei danni provocati dalla immigrazione incontrollata.

Al momento le indagini sulla morte di Pamela Mastropietro non permettono di chiarire la dinamica della sua scomparsa. Tre nigeriani sono in carcere con l’accusa di omicidio, occultamento e vilipendio di cadavere, anche se per il momento la stessa procura di Macerata ammette come l’indagine sia lontana dall’avere una conclusione.

LEGGI ANCHE > MUSEO EGIZIO DI TORINO, LA MINACCIA BUFALA DI FRATELLI D’ITALIA CONTRO IL DIRETTORE CHRISTIAN GRECO

La tragica fine di Pamela Mastropietro è stata un’occasione per una enorme speculazione politica, organizzata dai partiti che contrastano l’immigrazione. Come notato dal giornalista Massimo Mazza, l’unica iniziativa di solidarietà organizzata dopo la sua morte da parte di associazioni era stata voluta dalla comunità nigeriana di Macerata insieme a due onlus attive nell’accoglienza, Anolf e Acsim.

Pamela Mastropietro

Il sit-in «voleva esprimere l’immenso dolore e sincera vicinanza alla famiglia della vittima e condannare fermamente ogni forma di violenza e strumentalizzazione del tragico evento», come riportato da Cronache Maceratesi.

L’iniziativa non si è poi svolta perché sabato 4 febbraio Macerata è stata colpita dall’attentato razzista di Luca Traini, che ha sparato a diversi uomini di pella nera.  Acsim e Anolf hanno confermato che entro la fine del mese la manifestazione in solidarietà di Pamela Mastropietro si svolgerà a Macerata; nei giorni scorsi le sedi dell’associazione sono state colpite da atti di vandalismo.