ermal meta moro sospesi
|

Sanremo 2018: Ermal Meta e Moro sospesi. La decisione del Festival

Meta e Moro sospesi in attesa di giudizio. Aspettando gli approfondimenti tuttora in corso “sulla vicenda della presunta violazione del regolamento del Festival da parte della canzone presentata da Ermal Meta e Fabrizio Moro, l’Organizzazione del Festival, d’accordo con il Direttore Artistico, Claudio Baglioni, ha deciso di sospendere l’esibizione dei due artisti, prevista questa sera“. E’ quanto riferisce la Rai in una nota. Al loro posto, tra i dieci big che si esibiscono stasera, dopo un’estrazione a sorte alla presenza di un notaio, è stato designato Renzo Rubino.

DI COSA SONO ACCUSATI ERMAL META MORO SOSPESI DA SANREMO 2018

Ieri notte, nel corso del Dopofestival, è stato fatto notare  – in seguito ad alcune segnalazioni direttamente dalla rete, tra cui quella del sito  altrospettacolo.it – che il brano di Ermal Meta e Fabrizio Moro (Non mi avete fatto niente), uno dei super favoriti per la vittoria finale, sarebbe in realtà molto simile a una canzone presentata in occasione di Sanremo giovani nel 2015, intitolata Silenzio e cantata da Ambra Calvani e Gabriele de Pascali. L’ascolto in effetti non lascia spazio a dubbi. 

Su Twitter intanto è partito l’hashtag #IoStoConMetaMoro. Tanti infatti stanno esprimendo solidairetà al duo che era dato come favorito alla vittoria del Festival. 

Porca miseria! Su 20 cantanti doveva uscire proprio il mio di nome?“. Renzo Rubino non è particolarmente felice di essere stato estratto a sorte per sostituire questa sera i colleghi Meta e Moro temporaneamente sospesi. “Ho dormito due ore questa notte – dice all’ANSA il cantautore –. Sono stanco, ho parlato tutto il giorno, stavo andando in albergo a bermi una birra e a mettermi il pigiama. Come Fantozzi. Userò quel 20% di forze che mi è rimasto per l’esibizione di stasera“.