Giorgia Meloni
|

Giorgia Meloni contesta la mancata accusa di omicidio a Innocent Osenghale con una fake news

Giorgia Meloni ha scritto un terrificante post sul provvedimento del Gip della procura di Macerata che ha confermato l’arresto di Innocent Osenghale per le accuse di vilipendio e occultamento di cadavere. Secondo il magistrato lo spacciatore nigeriano non è al momento accusabile di omicidio di Pamela Mastropietro perché non esistono prove.

Giorgia Meloni

A Giorgia Meloni però questo non va giù: non avere un immigrato irregolare spacciatore, assassino e pure mostro visto che ha fatto pezzi il cadavere di una giovane italiana è una mancanza propagandistica troppo grave per la sua campagna elettorale. Sul suo profilo Facebook, molto seguito, la presidente di Fratelli d’Italia ha scritto questa vera e propria bufala sull’inchiesta di Macerata relativa alla morte di Pamela Mastropietro.

LEGGI ANCHE> LA RIVELAZIONE AL PROCESSO: «LA PRODUZIONE DI GOMORRA HA PAGATO IL BOSS»

«Il bastardo spacciatore nigeriano che ha fatto a pezzi Pamela non è stato accusato di omicidio in fase di convalida dell’arresto. Voglio sperare che sia solo una scelta procedurale dei magistrati che formalizzeranno l’accusa di omicidio in seguito. Perché sarebbe un precedente gravissimo far passare il principio che se non è possibile analizzare il corpo della vittima allora non c’è accusa di omicidio. Continueremo a seguire con grande attenzione gli sviluppi delle indagini», ha scritto la presidente di Fratelli d’Italia suL suo profilo Facebook.

 

Al di là di qualche principio costituzionale infranto, Giorgia Meloni scrive il falso in merito alla decisione del Gip di Macerata e alle indagini della procura marchigiana. Gli esami tossicologici sul cadavere di Pamela Mastropietro condotti dal perito Rino Froldi aiuteranno a comprendere come la ragazza sia morta.

 

Se l’overdose da eroina, l’ipotesi investigativa più forte, sarà confermata, non ci sarà alcuna accusa di omicidio nei confronti di Innocent Osenghale. Colpevole, presunto al momento, di reati gravi come l’occultamento e il vilipendio di cadavere. Auspicare un omicidio per una persona che non l’ha commesso è semplicemente incredibile, e anche indegno per chi vuole ricoprire cariche istituzionali importanti.

Foto copertina: ANSA/MASSIMO PERCOSSI