Il web chiede le dimissioni del procuratore Figc Pecoraro che ha confessato: «Spero che il Napoli vinca lo scudetto»

di Gianmichele Laino | 02/02/2018

Giuseppe Pecoraro

«Lo avevamo detto che questo non sopporta la Juventus», «Ora ti devi dimettere», «Scandali costruiti ad arte sulla Juventus». È bufera totale sul procuratore della Figc Giuseppe Pecoraro: il numero uno della giustizia sportiva in ambito calcistico, infatti, ha dichiarato in un’intervista a Gigi Marzullo di confidare in un successo in campionato del Napoli: «Il Napoli vincerà lo scudetto quest’anno? – ha detto Pecoraro, che «si è fatto una domanda e si è dato una risposta» – Ce lo auguriamo, noi napoletani ce l’auguriamo, come penso pure lei che è avellinese, ma lo deve meritare».

LEGGI ANCHE > Caso Agnelli, Pecoraro all’antimafia. Bindi: «Criminalità organizzata arriva anche alla Juventus»

GIUSEPPE PECORARO, LA SUA DICHIARAZIONE

Il teatro della dichiarazione è il programma Sottovoce, in onda in seconda serata su Raiuno. Un format di successo che ospita dei personaggi noti e li sottopone a lunghe e riflessive interviste. Il procuratore federale Giuseppe Pecoraro si è lasciato sfuggire la sue fede calcistica. Un elemento ritenuto evidentemente fuori luogo per un esponente del massimo organo di giustizia sportiva nell’ambito del nostro calcio.

Pecoraro è particolarmente inviso ai tifosi della Juventus, specialmente dopo l’inchiesta che ha coinvolto il presidente bianconero Andrea Agnelli per il caso dei biglietti dell’Allianz Stadium rivenduti da personalità legate al mondo della ‘ndrangheta.

GIUSEPPE PECORARO, LA FURIA DEL WEB

Giuseppe Pecoraro è stato, in passato, prefetto di Roma. È subentrato alla guida della procura federale a Stefano Palazzi nell’agosto del 2016. Le sue dichiarazioni hanno gettato ulteriore benzina sul fuoco in un momento particolare per la Federazione, con il commissariamento in atto e nel pieno delle discussioni sulla reale necessità del Var. Il tutto, con un duello Napoli-Juventus in campionato che si annuncia all’ultimo punto.

(FOTO: ANSA/MASSIMO PERCOSSI)