«Per un mondo più pulito torna in vita zio Benito»

di Redazione | 30/01/2018

mussolini rimini

Nei giorno scorsi il cartello fuori da una officina di Rimini, con la scritta che campeggiava all’ingresso del lager di Auschwitz ‘Arbeit macht frei’. Oggi, nel centro storico della città romagnola, dei manifesti – visti nella prima mattinata e poi spariti – con l’immagine di Mussolini e lo slogan: ‘Per un mondo più pulito torna in vita zio Benito’. Lo stesso slogan che apparve nel 2015 in provincia di Udine. 

Il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, non l’ha presa benissimo. “Ora, al di là che l’apologia di fascismo è ancora un reato punito dalla legge e una violazione della Costituzione – commenta – e considerato che Rimini è Medaglia d’Oro per la Resistenza e simili gesti sono un’offesa prima di tutto per la città e per la comunità riminese, il mio commento sull’episodio potrebbe orientarsi verso un semplice ‘la mamma dei cretini è sempre incinta’ oppure parafrasando la rima baciata dei fascisti autori del manifesto, ‘per un mondo più pulito, il fascista col carcere va punito’“.

(in copertina foto Ansa)