Luca Guadagnino con Chiamami col tuo nome ottiene la nomination all’Oscar per il miglior film

di Gianmichele Laino | 23/01/2018

Luca Guadagnino

Sceneggiatura di James Ivory e interpretazione di Timothée Chalamet, ma soprattutto regia di Luca Guadagnino. Sarà lui, 41 anni, a rappresentare l’Italia agli Oscar 2018. Ha ottenuto, infatti, le nomination come miglior film all’Academy grazie al suo Chiamami col tuo nomeda molti ritenuto il suo miglior lavoro in assoluto.

LEGGI ANCHE > L’Academy degli Oscar: dopo il caso Weinstein adotteremo un codice di condotta

LUCA GUADAGNINO, UN GRANDE SUCCESSO

Guadagnino, italo-algerino, sta conquistando vette davvero importanti con le sue produzioni dalla dimensione internazionale. Il film Chiamami col tuo nome sarà in corsa anche per la statuetta di miglior canzone originale (Sufjan Stevens – Mistery of love), migliore sceneggiatura non originale e miglior attore. Un successo, dopo che la pellicola aveva ottenuto già tre nomination ai Golden Globe.

Chiamami col tuo nome è un dramma romantico ed è l’adattamento dell’omonimo romanzo d’esordio dello scrittore statunitense André Aciman, pubblicato in patria nel 2007 e l’anno successivo portato in Italia da Guanda. Il film è ambientato nel 1983: Elio è un diciassettenne intellettualmente precoce e figlio di un professore universitario. Quest’ultimo decide di ospitare un suo studente straniero perché lavori alla tesi di post dottorato e così in casa di Elio arriva Oliver, venticinquenne statunitense bello e disinvolto. Una storia d’amore omosessuale che Guadagnino ha saputo reinterpretare in maniera magistrale.

LUCA GUADAGNINO, CONTO ALLA ROVESCIA FINO AL 4 MARZO

Il regista ha saputo inserire con discrezione all’interno della trama anche le tante scene di sesso previste originariamente nella sceneggiatura. La sua visione della pellicola gli ha permesso di ottenere un clamoroso successo al botteghino e, ora, anche il prestigioso riconoscimento dell’Academy. Ora, è iniziato già il conto alla rovescia per la notte degli Oscar del prossimo 4 marzo. Una notte in cui anche tutta Italia farà il tifo per questo regista cosmopolita, un po’ atipico, giovane e dal grande talento.

(Credit Image: © F. Sadou/AdMedia via ZUMA Wire)