Riccardo Iaccarino
|

Riccardo Iaccarino di Forza Nuova ritiene sensato lo sterminio degli ebrei

Riccardo Iaccarino è un candidato alle elezioni politiche per Forza Nuova, il partito neofascista guidato da Roberto Fiore. Ingegnere e autore di libri, Iaccarino ha scritto tweet vergognosi e offensivi contro Liliana Segre dopo che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’ha nominata come nuova senatrice a vita.

Riccardo Iaccarino di Forza Nuova ritiene sensato lo sterminio degli ebrei

Riccardo Iaccarino ha risposto così a un tweet di Nicola Fratoianni che ringraziava il capo dello Stato per aver fatto un gesto di riconoscenza verso gli ebrei italiani che subirono una atroce e insensata persecuzione razziale da parte di nazisti e fascisti. «Perche’ ”insensata”? Guardi gli ebrei al comando del mondo di oggi dove ci stanno portando. Ah scusi dimenticavo… lei non e’ italiano, e’ per la dittatura del proletariato, non le interessano le sorti di questa Nazione».

Riccardo Iaccarino

Un esponente di Forza Nuova candidato alle politiche ritiene dunque sensato lo sterminio degli ebrei condotto dai nazisti durante la II Guerra mondiale, con l’appoggio delle dittature fantoccio come quella di Mussolini durante la Repubblica sociale italiana. Una frase pazzesca, che non può essere banalizzata come un semplice tweet di un nazista. Si tratta di un candidato di un partito, Forza Nuova, alle elezioni politiche. Pare il minimo che il suo nome sia cancellato dalle liste.

LEGGI ANCHE > CHI È LILIANA SEGRE, NOMINATA SENATRICE A VITA DA SERGIO MATTARELLA

Riccardo Iaccarino, attivista di Forza Nuova Palermo, ha dedicato altri tweet offensivi a Liliana Segre. «Col primo mese di stipendio da senatrice, un altro filo di perle al collo ci sta tutto #LilianaSegre. Ma chi la conosce, l’ha mai sentita prima. C’era quando io avevo bisogno? Ci sarebbe nel caso avessi bisogno? No. E’ solo una nemica come tanti altri». Riccardo Iaccarino sul suo profilo Facebook  ha pubblicato una frase nazista, Meine Ehre heißt Treue, il mio onore significa fedeltà, che era il motto delle SS, il corpo paramilitare responsabile di centinaia di migliaia di omicidi commesse dal regime di Adolf Hitler.