Giorgio Chiellini dona l’1% del suo stipendio in beneficenza

di Gianmichele Laino | 16/01/2018

Giorgio Chiellini

La beneficenza, quella vera. Giorgio Chiellini fa parte da qualche mese della squadra Common Goal, un progetto nato per donare risorse ai bisognosi. I calciatori famosi che aderiscono all’iniziativa hanno deciso di versare nelle casse della piattaforma common-goal.org l’1% lordo del loro stipendio milionario. Un piccolo passo di ciascuno che può fare la differenza per molti.

LEGGI ANCHE > Matrimonio Messi, beneficenza in lista nozze: ma invitati con il braccino cortissimo

GIORGIO CHIELLINI, IL PROGETTO DI BENEFICENZA

Giorgio Chiellini ha seguito le impronte del suo collega Juan Mata, ora in forze al Manchester United: «Come tante buone cose – racconta Chiellini al Corriere della Sera – è nato tutto veramente per caso. Ho letto dell’iniziativa di Mata e del suo progetto. Mi ha subito colpito, ma prima di lanciarmi mi sono un po’ documentato. Così ho scritto una email al sito di Common Goal e sono entrato in contatto con il fautore dell’iniziativa. Poi ho parlato con Mata e ho deciso di condividere questo progetto con lui e con gli altri che ne fanno e ne faranno parte. Mi faceva piacere espandere anche livello internazionale il mio aiuto».

NON SOLO GIORGIO CHIELLINI, UNA SQUADRA DI CAMPIONI

Ora Chiellini si propone come punto di riferimento del progetto in Italia per coinvolgere altri calciatori che operano nel nostro Paese. La squadra di Common Goal, del resto, è composta da firme prestigiose del calcio mondiale. Oltre a Mata e Chiellini, fanno parte del team, tra gli altri, anche il difensore del Bayern Monaco Mats Hummels, oppure la star del calcio femminile Alex Morgan. Il presidente onorario della squadra è il numero uno dell’Uefa Aleksander Ceferin.

Al momento, la squadra di Common Goal ha proposto iniziative benefiche in favore della parità di genere in India, della pace in Colombia e dell’integrazione dei rifugiati in Germania. Un calcio ai pregiudizi nei confronti dei calciatori (visti sempre come giovani viziati dai loro contratti a tanti zeri) e un gol per la speranza di tante persone.