La fidanzata del leader Ukip: «Con il suo seme, Meghan contaminerà i reali e aprirà la strada a un re nero»

di Redazione | 15/01/2018

razzismo Meghan

«Una nera senza cervello che con il suo seme contaminerà la famiglia reale aprendo la strada a un re di colore». Le parole, che si riferiscono a Meghan Markle – futura sposa del principe Harry -, sono state pronunciate da Jo Marney, modella e fidanzata del leader dell’Ukip Henry Bolton (lei 25 anni, lui 54). Quest’ultimo, per evitare uno scandalo politico (in molti avevano chiesto le sue dimissioni dopo queste parole), l’ha lasciata.

LEGGI ANCHE > Buckingham Palace, la principessa del Kent va a conoscere Meghan con una spilla razzista

RAZZISMO MEGHAN, LA REAZIONE DEL LEADER UKIP

«La relazione è diventata incompatibile con il mio ruolo – ha detto Bolton alla BBC questa mattina – ed è contro la costituzione dell’Ukip essere razzisti in qualunque modo». La dirigenza del partito, inoltre, prenderà dei provvedimenti nei confronti della stessa Jo Marney che si era iscritta all’Ukip proprio nel corso della sua relazione sentimentale con Bolton.

L’ormai ex fidanzata del leader dell’Ukip aveva anche rilasciato altre dichiarazioni controverse nel corso della stessa uscita pubblica in cui aveva rivolto frasi razziste nei confronti di Meghan. La Marney, infatti, ha detto che non sarebbe mai «andata a letto con i negri perché sono brutti». Su di lei erano subito piovute delle accuse feroci, sia per quanto affermato, sia per la sua relazione sentimentale con Bolton, che ha il doppio dei suoi anni.

La base dell’Ukip, già in crisi dopo Brexit e dopo l’abbandono di Nigel Farage, ha accusato la donna di «aver rovinato già la famiglia di Bolton e di voler rovinare anche il partito». In Gran Bretagna, infatti, il legame con la Royal Family e con la corona è saldo e indissolubile anche per gli esponenti di un partito populista ed estremista. Le parole della Marney sono state un vero e proprio atto di lesa maestà.

RAZZISMO MEGHAN, IL PRECEDENTE

Tuttavia, non è la prima volta che Meghan Markle finisce nel calderone di una polemica razzista. Era stata la moglie di un cugino della regina Elisabetta a far scatenare i tabloid quando, alla cena natalizia in cui avrebbe dovuto incontrare per la prima volta la fidanzata di Harry, aveva indossato una spilla tipica del mondo coloniale, che raffigurava una persona di colore.