Roma, giornalista dell’Adnkronos picchiato a sangue in pieno centro

di Redazione | 09/01/2018

giornalista

Terribile aggressione ai danni di un giornalista a Roma. Ieri sera è stato brutalmente pestato, senza motivo, un cronista politico dell’agenzia di stampa Adnkronos. È accaduto in serata in piano centro. La vittima si chiama Antonio Atte. Poco dopo le 21, era uscito dalla Camera dei deputati, alla fine della giornata di lavoro, e si stava incamminando verso la fermata dell’autobus di via del Corso, quando è stato testimone di un’aggressione ai danni di una giovane coppia da parte di un uomo che indossava una tuta mimetica. Il cronista ha notato che per aiutare e soccorrere i due stavano intervenendo due carabinieri e ha proseguito fino alla fermata dell’autobus. All’improvviso l’aggressore della coppia, un trentenne italiano, lo ha spintonato e insultato. A quel punto per il giornalista è scoppiato l’inferno. Atte è stato più volte colpito al volto, subendo la frattura del setto nasale e la rottura di un dente.

Roma, giornalista Adnkronos pestato a sangue in pieno centro

Il cronista dell’Adnkronos, come ricostruisce la sua agenzia, ha perso conoscenza per alcuni minuti. «Mi sono ritrovato a terra, in un lago di sangue. Ho vissuto attimi di una violenza inaudita», ha raccontato. Il giornalista è ora ricoverato al Policlinico Gemelli per essere sottoposto a un intervento chirurgico. Il 30enne arrestato dalla Polizia Locale per l’aggressione,W. A., andrà a processo il 26 gennaio. Il giudice, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto nei confronti dell’uomo l’obbligo di dimora dalle ore 22 alle 6. Anche la sindaca Virginia Raggi ha commentato la vicenda. «Sdegno per la brutale aggressione ai danni del giornalista dell’AdnKronos», ha scritto su Twitter la prima cittadina, che ha fatto al giornalista i suoi «auguri di pronta guarigione».

(Foto da archivio Ansa)