La bufala del sindaco di Sanremo che ritira l’ordinanza di chiusura delle scuole

di Gianmichele Laino | 08/01/2018

bufala Sanremo

Uno scherzo stupido che, però, ha provocato disagi, incomprensioni e qualche protesta. Uno studente ha falsificato un messaggio Facebook del sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, comunicando l’annullamento dell’ordinanza di chiusura delle scuole (prevista per oggi) all’interno del territorio della cittadina ligure.

LEGGI ANCHE > La bufala del Papa che usa WhatsApp

BUFALA SANREMO, UNO STUPIDO SCHERZO ALL’ORIGINE

La chiusura degli istituti di ogni ordine e grado, invece, non è mai stata revocata. Il primo cittadino aveva preso questa decisione vista l’allerta arancione e le conseguenti forti piogge previste per la giornata di oggi sulla città. Immediata la sua smentita, non appena si è reso conto che le sue (false) parole stavano circolando sul web.

In effetti, la forza di questo scherzo è stata proprio la viralità. L’autore della bravata, infatti, ha provveduto immediatamente a diffondere il falso post Facebook del sindaco su tutti i social network e su tutti i servizi di messaggistica istantanea. Le persone che si sono viste recapitare sul proprio telefono lo screenshot del presunto post non hanno creduto ai propri occhi. Il falso testo conteneva infatti la seguente dichiarazione:

«Ci è stato segnalato a breve dal Comitato di Tutela Meteorologica che l’allerta arancione domani verrà rimossa, poiché, molto probabilmente, il tempo migliorerà in mattinata. Mi vorrei scusare con tutti i ragazzi, ma sono costretto a riaprire le scuole. Se ci sono ulteriori cambiamenti, vi informerò nel più breve tempo possibile».

BUFALA SANREMO, LA RISPOSTA DEL SINDACO

«La sostituzione di persona al fine di creare e veicolare informazioni false – ha immediatamente risposto il sindaco -, perlopiù in un contesto delicato come quello dell’allerta meteo, non è solo uno scherzo di cattivo gusto ma un reato». Alla fine, l’equivoco si è chiuso con le scuse dello studente nei confronti del sindaco e della cittadinanza sanremese.