Leo Messi ha una clausola anti indipendenza della Catalogna nel contratto col Barcellona

di Andrea Mollica | 05/01/2018

Messi

Leo Messi può lasciare gratis il Barcellona se la Catalogna otterrà l’indipendenza, e le squadre catalane non parteciperanno più alla Liga o gli stessi blaugrana non saranno iscritti a un altro campionato europeo di massimo livello.  La clausola consentirebbe al Barcellona di mantenere il suo contratto con Messi se fosse iscritto a Premier League,  inglese, Bundesliga tedesca o Ligue 1 francese.

Leo Messi ha una clausola anti indipendenza  della Catalogna nel contratto col Barcellona

Il quotidiano spagnolo El Mundo, conservatore e contrario al secessionismo, ha svelato una clausola finora non conosciuta del nuovo contratto che lega Leo Messi al Barça. Nelle scorse settimane il fuoriclasse argentino, uno dei migliori giocatori della storia del calcio, ha rinnovato il suo legame col Barcellona con una retribuzione annua che supera i 30 milioni di euro secondo le informazioni trapelate. Per tutelarsi da un’eventuale cessione il Barça ha inserito una clausola contrattuale che consente a Messi di passare a un’altra squadra prevo pagamento, ragionevolmente impossibile, di 700 milioni di euro. C’è però una possibilità di scioglimento gratuito del contratto, ovvero l’indipendenza della Catalogna. Secondo la legge dello sport se la comunità autonoma si distaccasse dalla Spagna automaticamente le sue formazioni sportive non potrebbero più iscriversi ai campionati iberici.

LEGGI ANCHE > DANIELE DOVERI FERMATO DOPO IL GOL IRREGOLARE ASSEGNATO ALLA JUVE CONTRO IL TORINO

La clausola di Leo Messi evidenzia l’inquietudine della stella del calcio mondiale per la situazione politica di Barcellona e Catalogna. Il contratto è stato firmato dal numero 10 blaugrana, che ha sempre giocato per la squadra simbolo della Catalogna, proprio nelle settimane in cui è stata più aspra la battaglia del governo regionale di Puigdemont contro la Spagna. A ottobre, dopo il referendum sull’indipendenza,  giudicato illegale dalla magistratura iberica, il presidente della comunità autonoma aveva dichiarato l’indipendenza della repubblica catalana al parlamento di Barcellona. La squadra blaugrana ha sostenuto la causa secessionista, e alcuni suoi giocatori, come il difensore Piquè, sono andati anche a votare al referendum sull’indipendenza del 1° ottobre. Leo Messi però ha preferito tutelarsi contrattualmente dall’indipendenza della Catalogna, tanto da richiedere l’annullamento automatico del suo ricchissimo contratto in caso di secessione, come svelato da El Mundo.

Foto copertina: Eric Alonso via ZUMA Wire)