Daniele Doveri
|

Daniele Doveri fermato dopo il gol irregolare assegnato alla Juve contro il Torino

Daniele Doveri è stato fermato dopo il gol irregolare assegnato alla Juve contro il Torino in Coppa Italia. Nell’ultimo quarto di finale l’arbitro, da poco designato come internazionale, ha convoladito una rete segnata da Mario Mandzukic che è stata creata da un intervento falloso dello juventino Khedira contro il torinista Acquah.

Daniele Doveri fermato dopo il gol irregolare assegnato alla Juve contro il Torino

L’errore è giudicato ancora più grave da Nicola Rizzoli, il disegnatore degli arbitri di serie A, per l’uso scorretto del sistema VAR di revisione video degli episodi. Daniele Doveri era sicuro della sua interpretazione, scorretta, ovvero che il presunto anticipo di Khedira non giustificasse il fischo del fallo su Acquah, che era stato travolto dal centrocampista bianconero. Per questo motivo non avrebbe dovuto ricorrere al sistema del Var, come spiega Francesco Ceniti sulla Gazzetta dello Sport.

LEGGI ANCHE > LA IENA GIARRUSSO E IL GIORNALISTA PARAGONE CANDIDATI CON IL M5S? ECCO COSA CI HANNO RISPOSTO

«Al di là del turno di stop (forse due) che scatterà in automatico (i numeri esigui non consentono punizioni più pesanti), a lasciare l’amaro in bocca dalla parte dell’Aia è stata tutta la gestione dell’episodio. Daniele Doveri aveva visto e valutato (male) il contatto. Ne ha discusso con Mariani (Var) ribadendo il concetto “Se ha preso palla, per me è buono”. A quel punto era lecito che convalidasse la rete senza passare dai monitor, prendendosi come è giusto che sia la responsabilità. E invece ha forse voluto strafare: rivedendo l’azione per poi far capire a tutti che aveva visto giusto. Ha marcato ancora di più il territorio. Un uso sbagliato della tecnologia», spiega l’episodio Ceniti sulla Gazzetta di oggi. Daniele Doveri ha valutato male il contatto di Khedira col pallone, perché l’anticipo, piuttosto controverso, di Acquah non discolpa il giocatore juventino dall’intervento negligente successivo, con cui travolge l’avversario torinista.

Foto copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO