È morta Lucy Parke, la bambina di 8 anni con il corpo di un’anziana

di Redazione | 03/01/2018

Lucy Parke

Era affetta dalla sindrome di Hutchinson-Gilford, una malattia rara nota come progeria che non altera la mente ma causa un invecchiamento precoce. A 8 anni è morta Lucy Parke, bambina irlandese con il corpo di una centenaria e un sorriso dolce. La sua storia era diventata nota in tutto il mondo, il suo destino era purtroppo segnato. Alla terribile malattia non c’è ad oggi una cura e i genitori, Stephanie e David, che vivono a Ballyward, in Irlanda del Nord, non hanno potuto far altro che stare vicino alla loro piccola e vedere il suo corpo consumarsi troppo rapidamente. Con la progeria nel bambino insorgono malattie tipiche delle persone anziane, la morte precoce è inevitabile. I sintomi della sindrome si manifestano durante i primi mesi di vita: emergono subito problemi nella crescita, e più avanti la perdita di capelli e un aspetto caratteristico.

 

LEGGI ANCHE > Il calvario di Carlotta, la bambina di 9 anni uccisa da un batterio contratto in vacanza

 

Addio a Lucy Parke, bambina di 8 anni che aveva il corpo di una centenaria

Su Facebook la mamma di Lucy ha scritto:  «La nostra piccola ha smesso di lottare, il suo corpo era ormai debole, ma il suo cuore era forte e il suo amore per la vita e il suo meraviglioso sorriso ci hanno resi orgogliosi di essere i suoi genitori. L’ultimo anno è stato duro e abbiamo il cuore spezzato e continuiamo a piangere, ma sappiamo che ora sei in Paradiso e ti siamo davvero grati per tutto ciò che ci hai insegnato, per gli abbracci, le risate e i sorrisi che ci hai regalato. Gli ultimi otto anni sono stati incredibili, grazie Lucy e grazie Dio, ci mancherai ogni singolo giorno».

(Immagine dalla pagina Facebook di Stephanie Parke)