La bufala via Messenger della legge sui sacchetti di plastica fatta solo «perché un’amica di Renzi è l’unica che li produce»

di Gianmichele Laino | 03/01/2018

sacchetti di plastica

Possiamo comprendere il disappunto per la legge sui sacchetti di plastica a pagamento per frutta e verdura nei supermercati. Il fastidio è evidente, sia perché alla lunga può incidere sulle tasche del cliente, sia perché viene percepita come una spesa inutile per un oggetto – il sacchetto di plastica, appunto – che non avrà certo una lunga vita. Ma diffondere bufale montate ad arte con evidenti scopi propagandistici ed elettorali è davvero troppo.

LEGGI ANCHE > Quanto vale il riciclo della plastica?

SACCHETTI DI PLASTICA, UNA BUFALA VIA SOCIAL

Da ieri, circola sul Messanger di Facebook – ma anche su WhatsApp e su altri social network – un messaggio che, in poco tempo, è diventato virale. Le modalità di diffusione sono quelle tipiche delle bufale che dovrebbero ormai essere note, ma che purtroppo non vengono ancora riconosciute. Inizia con la già sospetta intestazione «Condividiamo questo messaggio con tutti i nostri amici» e poi prosegue con un testo delirante.

sacchetti di plastica

Il messaggio è evidentemente scritto in un italiano approssimativo (anche questo evidente sintomo di fake news), con tanti errori grammaticali (saltano all’occhio la parola aquistato e una verbo senza accento che mettono davvero i brividi). E poi, sempre con superficialità e scarso approfondimento, mette la pulce nell’orecchio a proposito del fatto che questa legge sia stata fatta per «favorire un’amica di Renzi (noi aggiungiamo l’apostrofo, ma nel messaggio originale non c’è, ndr) che è l’unica che produce quel tipo di sacchetti biodegradabili».

Dopo la «notizia bomba», ovviamente, parte la cosiddetta call to action, altro elemento tipico delle bufale: «se vogliamo sperare che la legge venga ignorata dalle autorità, occorrerebbe stare un mese senza servirsi di prodotti che necessitano l’uso di suddetti sacchetti…FATE GIRARE». Un’indicazione poco chiara (perché dovremmo rinunciare a frutta e verdura?) che, però, si consiglia di diffondere via social attraverso il consueto metodo delle «catene».

SACCHETTI DI PLASTICA, UN PO’ DI CHIAREZZA

Ovviamente si tratta di una notizia quasi totalmente falsa. La legge che ci costringerà a pagare anche i sacchetti per la frutta e per la verdura nei supermercati recepisce una direttiva europea (la 270 del 2015) ed evita all’Italia una procedura di infrazione. Dunque, qualsiasi parlamento di qualsiasi Stato europeo è chiamato a studiare una legge del genere. Indipendentemente dai colori politici, dalla presenza di Matteo Renzi o di Paolo Gentiloni.

Passando poi alla questione dell’«amica di Renzi» che sarebbe l’unica a produrre questi pacchetti di plastica biodegradabili, colui che ha iniziato a diffondere la bufala si riferisce con ogni probabilità a Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont, l’azienda che è tra i maggiori player del settore. Non si tratta, tuttavia, di un monopolio (come, invece, scritto all’interno del messaggio-bufala diffuso via social network).

La legge, inoltre, è fatta proprio per disincentivare il consumo di sacchetti di plastica per motivi legati all’inquinamento ambientale. A questo proposito, si attende maggiore chiarezza dal ministero della Salute (che dovrebbe valutare gli aspetti igienico-sanitari con un suo parere), ma una circolare del Ministero dello sviluppo economico del 7 dicembre 2017 si è già espressa in maniera chiara, ammettendo la possibilità di usare borse riutilizzabili. Su questo aspetto occorrerà ancora attendere per una decisione definitiva, ma anche la notizia – diffusa dai principali media italiani – del divieto di poter riutilizzare i sacchetti di plastica non è completamente corretta.