Pier Francesco Favino
|

Sanremo 2018, Pier Francesco Favino accanto a Baglioni: il «Banderas italiano» presenterà il Festival

Alla fine, la triade sanremese si è composta definitivamente. Dopo l’annuncio della conduzione da parte di Claudio Baglioni (che ricoprirà anche il ruolo di direttore artistico) e quello di Michelle Hunziker come secondo nome sul palco, è arrivata anche la conferma della presenza di Pier Francesco Favino a Sanremo 2018. Il «Banderas italiano» – come è stato definito dal direttore di Raiuno Angelo Teodoli – è l’ultimo ad aggregarsi alla squadra del Festival che andrà in onda dal 6 al 10 febbraio 2018.

LEGGI ANCHE > I big a Sanremo 2018, la lista completa

PIER FRANCESCO FAVINO, UN ALTRO CONDUTTORE SPURIO

Così, dopo Claudio Baglioni, Pier Francesco Favino è il secondo «conduttore spurio» dell’edizione del prossimo anno della rassegna canora più importante d’Italia. Cantante il primo, attore il secondo: entrambi dovranno superare le difficoltà della diretta. Uomini abituati a seguire una scaletta (Baglioni come cantante ai concerti, Favino come interprete di pellicole cinematografiche), dovranno misurarsi con la dote dell’improvvisazione. Che, tuttavia, ai due non manca visto che anche in passato hanno realizzato delle performance da conduttori.

L’unica a essere nei suoi panni di volto televisivo sarà, quindi, proprio Michelle Hunziker. La show girl svizzera avrà il compito di mettere a loro agio – su un terreno che ben conosce – i suoi due compagni di avventura. Al netto, ovviamente, delle emozioni che il palco dell’Ariston può scatenare.

PIER FRANCESCO FAVINO, IL CACHET

Di Pier Francesco Favino, comunque, si mormorava già da tempo nei dintorni di viale Mazzini. Secondo alcune indiscrezioni, avrebbe superato nel rush finale Luca Argentero, profilo piuttosto simile al suo, candidato anche lui a un ruolo di spicco nelle cinque serate di Festival. Resta soltanto da rendere pubblico il suo cachet che, tuttavia, dovrebbe essere molto vicino ai 400mila euro che verranno elargiti a Michelle Hunziker. Speriamo ne valga la pena.

(FOTO: ARCHIVIO/ANSA)