Palle di Natale
|

Fedez e il «plagio» alla canzone dei bambini della pediatria oncologica: loro non si arrabbiano e lo invitano a cantare insieme

Ci si può arrabbiare con Fedez? I bambini del reparto di pediatria oncologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano proprio non ci riescono. Nonostante il rapper abbia «rubato» loro il titolo del suo ultimo singolo – Le palle di Natale – uscito qualche giorno fa con lo scopo di raccogliere fondi a favore dell’associazione Noi per gli Animali Onlus, che si occupa dell’assistenza e della tutela degli animali. Un anno fa, invece, i ragazzini del reparto avevano lanciato il brano Palle di Natale (Smile! It’s Christmas day), anch’essi con uno scopo benefico.

LEGGI ANCHE > «All’infame di m**** di Manuel dico Fuck!». I festeggiamenti di Fedez che fanno discutere | VIDEO

«Non sappiamo perché Fedez abbia scelto un titolo uguale al nostro, ma noi lo interpretiamo come una sfida – hanno scritto i ragazzini dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano sulla pagina Facebook dell’Associazione Bianca Garavaglia -. Fedez è un idolo per noi ragazzi e quindi accettiamo questa sfida e rilanciamo: ‘Vieni a trovarci in ospedale per cantare con noi’».

PALLE DI NATALE, IL LUNGO POST DEI RAGAZZINI DEL REPARTO DI PEDIATRIA ONCOLOGICA

PALLE DI NATALE, IL SIGNIFICATO DEL BRANO

Insomma, non è che se la siano presa. Anzi: vogliono lavorare insieme a Fedez per un progetto comune, vista la tanta stima che hanno nei suoi confronti. Del resto le palle di Natale del rapper e giudice di X Factor e quelle dei ragazzini del reparto di oncologia pediatrica sono molto diverse. Per suoni, testo, scopi e destinatari.

Le palle di Natale dei bambini dell’Istituto Nazionale Tumori, infatti, rappresentano le loro teste dopo il trattamento della chemioterapia, la noia di stare in ospedale durante le vacanze, le bugie che spesso la gente racconta per nascondere il loro stato di salute. La loro canzone, in un anno, ha raccolto oltre 10 milioni di visualizzazioni, diventando presto un fenomeno social. Insomma, le possibilità che Fedez l’abbia ascoltata – vista la sua massiccia presenza su Facebook, Instagram e Twitter – è molto alta. E allora perché non lavorare insieme a questi bambini per un progetto comune che possa restituire loro un po’ di serenità?

Fedez non ha ancora risposto all’appello e, probabilmente, sta studiando il da farsi insieme al suo staff. L’appello dei bambini di pediatria oncologica, infatti, sta facendo il giro del web. Sarebbe quantomeno scortese non rispondere.