Marco Carrai
|

Marco Carrai nel 2015 aveva smentito la ricostruzione della mail a Ghizzoni

Marco Carrai nel 2015 aveva smentit la ricostruzione della mail a Federico Ghizzoni sull’eventuale acquisizione di Banca Etruria da parte di Unicredit diffusa ieri.  Dopo che l’ex AD di Unicredit ha rivelato che l’imprenditore fiorentino, grande amico e fidato consigliere di Matteo Renzi, gli avesse inviato una mail per sollecitarlo a una risposta sulla trattativa tra i due istituti, nel rispetto dei ruoli, Marco Carrai ha diffuso una nota in cui ha smentito un interessamento di natura politica.

Marco Carrai aveva smentito nel 2015 la mail a Ghizzoni su Etruria

L’associazione tra l’interessamento di Boschi, la domanda di Renzi fatta a Visco sulla fusione tra Etruria e Vicenza e la mail di Carrai è stata comune tra molti osservatori così come tra diversi membri della commissione di inchiesta sulle banche. «Nel caso dell’email del 13 gennaio 2015, citata nell’audizione parlamentare di oggi, il presunto mistero è presto rivelato: si trattava di questione tecnica, niente di più. «Ero interessato, “nel rispetto dei ruoli” come ho scritto non a caso nell’email, a capire gli intendimenti di Unicredit riguardo Banca Etruria perché un mio cliente stava verificando il dossier di Banca Federico Del Vecchio, storico istituto fiorentino di proprietà di Etruria», spiega in una nota Carrai. «Confermo di aver avuto, in svariate occasioni, il piacere di incontrare e dialogare, a livello professionale, con il dottor Federico Ghizzoni, a cui mi lega profonda stima e nella mia veste di consulente, come dichiarato da Ghizzoni stesso». C’è un però un dubbio molto significativo sulla ricostruzione di Carrai.

LEGGI ANCHE > COSÌ LORENZIN AFFOSSA LA LEGGE SUL BIOTESTAMENTO: OBIEZIONE DI COSCIENZA

Il 14 febbraio del 2015 l’imprenditore toscano aveva escluso al Corriere della Sera qualsiasi suo ruolo nella trattativa tra un fondo israeliano ed Etruria per la cessione della Banca Federico del Vecchio. «Mi infilano da ogni parte, ma io non ho fatto nessuna manifestazione d’interesse né nominato alcun advisor», aveva dichiarato Marco Carrai al Corriere della Sera, all’epoca tra l’altro diretto da Ferruccio de Bortoli. Le parole al Corriere, di quasi tre anni fa,  tendono a escludere però la ricostruzione fatta ieri del colloquio telematico con Ghizzoni.  Per il momento Marco Carrai non ha chiarito questa contraddizione, mentre il PD nega qualsiasi suo ruolo  nel partito nonostante la nota vicinanza con Renzi.

Foto copertina: ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI